Reggio. Maniaco sul Lungocrostolo, si muove la politica: interrogazione FdI e Lega alle Caprette

lega1

Troppe aggressioni a sfondo sessuale, a Reggio Emilia, contro donne: la Regione intervenga e si adoperi perché la zona in cui sono avvenute venga “debitamente presidiata”.

La violenza contro le donne è al centro dell’interrogazione presentata dal consigliere Michele Barcaiuolo (Fratelli d’Italia). Oltre a una maggiore sicurezza, alla Regione si chiede di approfondire quella che “per la cittadinanza reggiana, in particolare femminile, sta diventando un vero e proprio problema nonché un ostacolo al godimento di libertà personali come quello di fare una passeggiata in sicurezza, alla luce degli ultimi mesi di zona rossa a cui ci ha costretti la pandemia”. Il consigliere, poi, suggerisce alla Giunta di intensificare i controlli, in collaborazione con Comune, Polizia e Arma dei carabinieri per “disincentivare ulteriori episodi di violenza”

L’ultima aggressione risale al 27 aprile, quando una giovane è “stata aggredita nella zona Sud della città, esattamente al parco delle Caprette”. Una trentenne è stata avvicinata da un uomo che, con una scusa, “l’ha afferrata, picchiata e ha tentato quindi di abusare di lei. E’ stato l’arrivo di un runner a costringere l’aggressore a desistere e a fuggire, lasciando la vittima in palese stato di choc”.

Nel 2019, una giovane era stata aggredita nello stesso parco da un immigrato che l’ha trascinata nella boscaglia, abusando di lei. Un mese fa, infine, lungo la passeggiata che costeggia il torrente Crostolo, un’altra donna era stata avvicinata da un uomo che le ha rivolto frasi a sfondo sessuale e poi l’ha palpeggiata. In seguito, sono arrivate altre segnalazioni che “avevano destano un profondo allarme sociale, vista l’altissima frequentazione, soprattutto di ragazze che utilizzano i sentieri del parco per fare jogging o lunghe passeggiate, anche in solitaria”.

Scrive in una nota il gruppo consigliare della Lega di Reggio Emilia: “Dopo l’ennesima aggressione del maniaco che sta terrorizzando la città, abbiamo deciso come consiglieri comunali di fare una passeggiata al Parco delle Caprette, nelle zone dove il maniaco ha aggredito le sue vittime.
Quella di due giorni fa è la quarta aggressione in sole poche settimane, ora la situazione è diventata davvero molto critica e preoccupante.

Le donne e le ragazze della nostra città devono sentirsi libere di poter tornare a passeggiare alle Caprette al più presto, senza il timore di poter subire una violenza sessuale ad opera del maniaco.
Come gruppo Lega ci teniamo a ribadire massima fiducia nell’operato delle forze dell’ordine e della polizia locale, e auspichiamo che si possa procedere al più presto alla cattura del maniaco sessuale, restituendo alla nostra città quella libertà che ora manca e quella sicurezza di poter passeggiare nei nostri parchi senza timori e paure di alcun tipo”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu