Quasi ultimati i lavori per il nuovo Centro meteo europeo di Bologna

Centro meteo europeo Ecmwf

Giovedì 3 dicembre a Bologna tecnici e rappresentanti del Centro meteo europeo hanno verificato lo stato dei lavori nell’area dell’ex Manifattura Tabacchi a Bologna in cui sorgerà la nuova sede del data center dell’Ecmwf (European Centre for Medium-Range Weather Forecasts), il polo per le previsioni meteorologiche a medio termine. La verifica è avvenuta in vista del council dell’organismo europeo, in programma il prossimo 9 dicembre.

La struttura che ospiterà il centro meteo si estende su un’area di 21.500 metri quadri negli edifici della ex Manifattura Tabacchi. I lavori di trasformazione e di adattamento, che hanno richiesto un investimento complessivo di 62 milioni di euro (43,5 milioni a carico del Ministero dell’università e della ricerca e gli altri 18,5 milioni a carico della Regione Emilia-Romagna), sono quasi stati ultimati: i tecnici dell’organizzazione internazionale con sede a Reading, in Inghilterra, sono già al lavoro per implementare la parte tecnologica dell’infrastruttura.

La fase di progetto ha già superato la verifica per la certificazione “Leed Gold” (Leadership in energy and environmental design), uno standard applicato in oltre 100 paesi nel mondo che certifica la maggiore efficienza di questi edifici rispetto a quelli che rispettano semplicemente i regolamenti di edilizia civile. I vantaggi delle strategie Leed sono molteplici: dall’efficienza energetica al miglioramento della qualità dell’aria, dalla riduzione dei consumi idrici a una migliore gestione dei rifiuti solidi e allo stimolo di un’economia circolare.

La Regione ha invitato a visitare la struttura anche il ministro degli esteri Luigi Di Maio, che sarà a Bologna il prossimo 17 dicembre. I rapporti tra il centro Ecmwf e il governo italiano sono stati infatti curati dalla Farnesina, che ha operato attraverso un gruppo interministeriale con la partecipazione di rappresentanti del Ministero dell’università e della ricerca e del Ministero delle finanze.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu