Omicidio di Elisa Pomarelli, confermata in appello la condanna a 20 anni di carcere per Sebastiani

Massimo Sebastiani tronco albero

La Corte di assise di appello di Bologna ha confermato la condanna a 20 anni di reclusione per Massimo Sebastiani, l’operaio di 48 anni imputato per l’omicidio dell’amica Elisa Pomarelli, la ragazza strangolata nel pollaio dell’abitazione dell’uomo a Campogrande di Carpaneto il 25 agosto del 2019 e il cui corpo fu poi nascosto dall’assassino sulle colline in provincia di Piacenza, abbandonato in mezzo ai boschi in un cumulo di vegetazione in fondo a una scarpata.

L’uomo, che secondo le indagini avrebbe commesso il delitto dopo essere stato rifiutato dalla donna, è accusato di omicidio volontario e occultamento di cadavere. I giudici hanno ridotto da 5 a 3 anni la misura di sicurezza della libertà vigilata (a fine pena), con la concessione dell’attenuante del risarcimento in relazione alla soppressione di cadavere.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu