La figlia cade in acqua alle cascate del Golfarone, il padre si lancia per soccorrerla: feriti entrambi, ma salvi

Cascate del Golfarone intervento elisoccorso

Nella mattinata di martedì 17 agosto brutta disavventura per una famiglia residente a Cavezzo (in provincia di Modena), che si era recata a fare una passeggiata alle cascate del Golfarone, nel territorio comunale di Villa Minozzo, in provincia di Reggio.

Poco dopo mezzogiorno una ragazzina di 9 anni, incuriosita dalle rapide, si è avvicinata troppo alla sponda del torrente Secchiello ed è caduta in acqua. Il padre, vedendo la scena, si è immediatamente lanciato nel fiume per evitare che la figlia venisse portata a valle dalla corrente, che in quel punto è particolarmente insidiosa.

L’uomo, 32 anni, è riuscito nell’intento riportando a riva la figlia, ma nel tuffarsi ha riportato diversi traumi, in particolare al torace e alla spalla. Anche la bambina, sia nella caduta che dopo essere rimasta in balìa delle rapide, ha urtato contro i sassi riportando un trauma alla colonna vertebrale e alla testa.

Il 118 ha inviato sul posto l’ambulanza di Villa Minozzo e la squadra del Soccorso alpino e speleologico stazione Monte Cusna, l’elicottero del 118 di Pavullo nel Frignano (dotato di verricello e con a bordo un tecnico del Cnsas) e i vigili del fuoco. L’equipaggio dell’elisoccorso è stato sbarcato con il verricello, in quanto la zona non consente un atterraggio agevole. Dopo la valutazione effettuata dall’anestesista, padre e figlia sono stati recuperati con il verricello e portati fino al parcheggio, dove ad attenderli c’era l’ambulanza che li ha trasportati all’ospedale di Castelnovo ne’ Monti in codice di media gravità.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu