Filiera edile ok: 47% ha troppe richieste

edilizia lavori gru costruzioni

Nonostante l’inflazione galoppante, arrivata a toccare a giugno l’incremento record di +8% su base annua, e l’aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia, che ha colpito circa 8 realtà aziendali su 10, il settore delle costruzioni continua a restituire riscontri positivi.

Le imprese di produzione, distribuzione e servizi per il settore delle costruzioni (edilizia e impianti) dell’Emilia-Romagna, secondo il monitoraggio dell’osservatorio Saie (realizzato da Senaf in previsione della fiera delle costruzioni, in programma a BolognaFiere dal 19 al 22 ottobre), si sono infatti dichiarate generalmente soddisfatte del proprio giro d’affari. Nell’ultimo anno poco meno della metà di queste (il 47%) ha dovuto addirittura rinunciare ad alcuni lavori per le troppe richieste, mentre il 62% sta puntando sull’assunzione di nuovo personale per aumentare la capacità produttiva – soprattutto operai (sia altamente specializzati che non), impiegati e specialisti digital/Bim. L’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime ha avuto un impatto negativo sulla forza lavoro solo per il 4% del campione.

Un grande aiuto al settore, come era prevedibile, è arrivato dagli incentivi statali, e in particolare dal Superbonus 110%, che ad oggi ha determinato mediamente fino a un quarto del fatturato complessivo per quasi 9 aziende su 10. Le difficoltà macroeconomiche, invece, si sono concretizzate soprattutto in due aspetti: l’aumento dei prezzi del prodotto finito (per il 74% delle imprese) e i ritardi nelle consegne (per il 63%).

L’indice di fiducia generale, in ogni caso, è rimasto alto: la percentuale del corpo imprenditoriale complessivamente soddisfatto dell’andamento attuale della propria azienda è salita infatti fino a quota 82%, ben 11 punti percentuali in più rispetto al 71% del quadrimestre precedente. Quasi 8 realtà aziendali su 10 (il 76%) negli ultimi quattro mesi hanno fatto registrare un incremento a livello di fatturato, e si aspettano di chiudere l’anno con il segno più, a dimostrazione della vivacità della filiera. Anche la soddisfazione relativa al portafoglio ordini fornisce un’ulteriore conferma al trend positivo: ben il 94% degli intervistati dell’Emilia-Romagna lo ritiene infatti adeguato ai livelli di sostenibilità finanziaria, un dato superiore di 4 punti percentuali rispetto alla media nazionale.

Secondo gli imprenditori emiliano-romagnoli a favorire la ripartenza del settore, dopo anni difficili, sono stati soprattutto gli incentivi statali, seguiti dalla riforma della burocrazia e dallo sblocco dei cantieri. Secondo molti degli intervistati il Superbonus 110% ha avuto un impatto positivo sul giro d’affari della propria azienda, anche se per il 40% delle imprese le difficoltà ad accedere allo sconto in fattura e alla cessione del credito rischiano di danneggiare il comparto. Per quanto riguarda il Pnrr, invece, le imprese guardano con favore soprattutto a incentivi e investimenti relativi all’efficientamento energetico e alla messa in sicurezza del patrimonio edilizio, sia pubblico che privato.

A minacciare il potenziale del comparto, invece, oltre all’aumento dei prezzi delle materie prime spicca l’incertezza normativa. Per il 39% del campione, inoltre, uno dei problemi fondamentali è rappresentato dalla carenza di formazione tecnico-professionale, anche se allo stato attuale l’88% degli imprenditori e delle imprenditrici ritiene il livello di competenze del proprio personale in linea con le esigenze dell’azienda. Non è percepito in maniera particolarmente critica il costo della forza lavoro, giudicato generalmente sostenibile.

La filiera delle costruzioni si sta affacciando alla rivoluzione digitale cercando di farsi trovare pronta: l’86% delle aziende ha dichiarato di investire in ricerca e innovazione fino a circa un terzo del proprio fatturato, puntando soprattutto su sicurezza informatica, connettività/5G, cloud computing, robotica collaborativa e intelligenza artificiale. L’altro trend del momento è la sostenibilità, che vede impegnate le imprese soprattutto attraverso l’uso di dispositivi a basso consumo energetico, l’isolamento termico, la realizzazione di edifici in classe A o Nzeb e l’acquisto di macchinari e/o impianti efficienti e di nuova generazione. È ancora molta, invece, la strada da fare sui criteri Esg (environmental, social and governance), sconosciuti a due terzi del campione (67%).

“I numeri del nostro osservatorio mettono in luce, anche in Emilia-Romagna, una filiera in buona salute, pronta a intraprendere un percorso che metta al centro i concetti di innovazione, sostenibilità e formazione anche per far fronte a uno scenario economico complesso”, ha spiegato il direttore generale di Saie Emilio Bianchi: “Veniamo da due anni di grandi trasformazioni, che richiedono un continuo aggiornamento non soltanto in termini di competenze, ma anche di networking e conoscenza del mercato. Non è un caso, infatti, che il 73% delle aziende abbia espresso la volontà di allargare la propria rete di contatti, indeboliti a causa della pandemia. Se a questo aggiungiamo che circa la metà degli intervistati vuole accrescere la propria visibilità, diventa evidente l’importanza di un appuntamento fieristico dedicato all’intero sistema delle costruzioni come Saie”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu