Guastalla, contributo di mille euro al progetto “Divers, attori diversi”

attori

L’assessorato al Welfare del Comune di Guastalla ha erogato alla Cooperativa Anffas Dimensione Uomo di Guastalla, che si occupa di persone diversamente abili, con proposte riabilitative e di inclusione, un contributo di 1.000 € a sostegno del progetto teatrale “Divers- Attori Attori Diversi – Abilmente Passo passo sul sentiero di mattoni gialli”, per il quale è stata attivata una campagna di crowdfunding sulla piattaforma IdeaGinger in collaborazione con Emil Banca.

LA RACCOLTA FONDI

“Si tratta di una raccolta fondi per finanziare un’attività di laboratorio teatrale indirizzata agli ospiti dei servizi che gestiamo per conto dell’Unione Bassa Reggiana – spiega il presidente dell’associazione Anffas Guastalla Paolo Gozzi – Purtroppo anche quest’anno, a causa della pandemia, dobbiamo rinunciare al tradizionale spettacolo in teatro ma non abbiamo rinunciato a realizzare un progetto di recitazione con l’obiettivo di rivolgerci al pubblico. L’idea è molto ambiziosa ma a noi piacciono le sfide: abbiamo pensato di realizzare nientemeno che un film! E per sostenere questa nuova avventura abbiamo bisogno del sostegno di tutte le persone che credono in ciò che facciamo”.

L’ammontare raccolto servirà, come da preventivo di spese, per finanziare la scuola di teatro (€ 1.500), i costumi e le scenografie (€ 750,00), la registrazione e il montaggio (€ 600,00), la pubblicità (€ 150,00).

“Come comune di Guastalla abbiamo deciso di dare un contributo di 1.000 euro per sostenere questa importante iniziativa – ha detto Matteo Artoni, assessore al welfare e vice sindaco – perché crediamo nei progetti di Anffas, che è il centro di riferimento dei servizi per la disabilità del territorio della Bassa, non solo di Guastalla. E perché abbiamo apprezzato il coraggio nell’utilizzare la forma della raccolta fondi tramite piattaforma online per realizzare un obiettivo ambizioso. Abbiamo dato il nostro contributo sperando che potesse essere da stimolo per eventuali altre donazioni e ci ha fatto molto piacere apprendere dai responsabili del progetto che è stato proprio così: la nostra donazione ne ha stimolate altre e si è potuto raggiungere una somma vicina a quella necessaria a realizzare il progetto”.

IL FILM E I SUOI PROTAGONISTI

Protagonisti del film, la cui trama è tratta da “Il Meraviglioso Mago di Oz”, sono le persone con disabilità che frequentano il Centro socio-occupazionale della cooperativa Anffas Dimensione Uomo di Guastalla. Sono loro che realizzeranno gli elementi scenici e i costumi e che interpreteremo i personaggi della storia: ci sono quelli che parlano e quelli che danzano, chi crea costumi e chi li indossa, chi recita e chi fa le riprese delle scene. Queste ultime sono iniziate da pochi giorni e dureranno tutto il mese di maggio, coinvolgendo alcuni luoghi simbolo della città, come Palazzo Ducale. Dopo le fasi di montaggio, si prevede l’uscita del film nel mese di giugno.

Il film, come nel racconto di Oz, è una storia di conquiste che, passo dopo passo, trasformano le debolezze e le difficoltà dei protagonisti in virtù, attraverso quel mondo di magie che è il teatro.

Per la realizzazione del progetto sono stati attivati due laboratori: uno di recitazione con Antonella Panini di Ars 21 e uno artistico/atelieristico con Maria Pia Papandrea. Nel primo ci si è preparati alla messa in scena del testo, provando e memorizzando il copione, danzando e recitando; nel secondo, si sono modellati gli elementi scenici e i costumi, si è ritagliato, incollato e cucito.

“Il teatro – conclude Paolo Gozzi – è uno strumento per consentire alle persone con disabilità di acquisire abilità di linguaggio e comunicazione, esercitare la memoria seguendo un testo e memorizzandolo, dare strumenti per gestire l’ansia, le situazioni piacevoli e quelle spiacevoli. L’obiettivo è quello di offrire ai partecipanti strumenti espressivi che possono facilitare l’inclusione, la coordinazione dei movimenti, la gestione dello spazio, la comunicazione, giocando con i personaggi e le varie personalità. In pratica, attraverso il gioco della finzione si impara ad affrontare la vita reale, divertendosi e sentendosi bene”.

I LABORATORI TEATRALI DI ANFFAS GUASTALLA

L’esperienza del laboratorio teatrale di Anffas Guastalla parte da lontano. La prima rappresentazione risale all’inizio degli anni ’90 con uno spettacolo di burattini, il passo successivo è stata una rappresentazione per i soli famigliari in un teatrino parrocchiale per poi approdare sul palcoscenico del Teatro Ruggeri di Guastalla con replica al Teatro Tagliavini di Novellara.

Nel tempo l’associazione Anffas si è avvalsa della collaborazione di esperti, fra cui il burattinaio Dimmo Menozzi con la moglie Rosa Stecco, la compagnia dialettale “La Palanca Sbusa” e lo scenografo Landini. Attualmente la cooperativa collabora con Ars 21.

di seguito qualche titolo di spettacoli portati in scena nel corso degli anni: Il Lago dei Cigni, Il Piccolo Principe, Peter Pan, Pinocchio, L’Odissea, La Bomba di Cioccolato, La Gabbianella e Il Gatto, Solo per te ecco, Il Malato Immaginario, Il Treno della Felicità, Mammalà le stelle sono qua, Cenerentola, La Fattoria degli animali, I Promessi Sposi, Alice nel Paese delle Meraviglie.

Per sostenere con una donazione il progetto “Divers- Attori Attori Diversi – Abilmente Passo passo sul sentiero di mattoni gialli”:

https://www.ideaginger.it/progetti/divers-attori-attori-diversi-abilmente-passo-passo-sul-sentiero-di-mattoni-gialli.html



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu