Bologna. Tentano una rapina spacciandosi per poliziotti e finanzieri: tre persone in arresto

segni distintivi polizia finanza

Gli investigatori della Squadra mobile di Bologna hanno arrestato tre persone – un 42enne originario di Reggio Calabria, un 45enne di Crotone e un 29enne di Soverato (in provincia di Catanzaro), tutti già con precedenti – che stavano progettando una rapina con un piano ben preciso: indossando pettorine e distintivi delle forze dell’ordine e simulando una presunta perquisizione domiciliare, i tre hanno provato a entrare nell’abitazione di due coniugi nel tentativo di immobilizzarli e derubarli.

I tre sono stati arrestati per il possesso di segni distintivi contraffatti e denunciati per tentata rapina aggravata in concorso. Gli arresti sono stati poi convalidati dal giudice per l’indagine preliminare, che ha disposto per uno di loro la custodia cautelare in carcere, per un altro gli arresti domiciliari e per il terzo l’obbligo di firma.

Lunedì 15 febbraio i tre sono stati bloccati nei pressi di un condominio in zona Fossolo, a Bologna, dal quale si erano da poco allontanati. Al momento del fermo erano in possesso di pettorine e placche metalliche con loghi e scritte di Polizia e Guardia di finanza, oltre a cappucci, guanti, fascette in plastica e un rotolo di nastro adesivo.

Con sé avevano anche tre fogli – con una falsa intestazione e il logo della procura di Bologna – sui quali era riprodotto fedelmente un decreto di perquisizione e di sequestro. Uno dei documenti era compilato a mano con i dati di una coppia di coniugi residenti nello stabile dal quale erano stati visti allontanarsi pochi minuti prima di essere fermati dalla polizia.

Le successive indagini hanno permesso di accertare che, nei giorni precedenti, la collaboratrice domestica della coppia in due diverse occasioni aveva sentito bussare alla porta i tre uomini, che in entrambi i casi si erano spacciati per finanzieri. La donna, tuttavia, non li aveva fatti entrare, spiegando di aver ricevuto queste indicazioni dai proprietari: solo grazie a questo motivo il tentativo di rapina non era andato a buon fine.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu