Al Valli di Reggio ‘Finalmente domenica’ con Marco Malvaldi

marco-malvaldi-3

Domenica 24 ottobre, ore 11.00 Finalmente Domenica accoglie nel Ridotto del Teatro Municipale Valli l’incontro – rinviato lo scorso 10 ottobre per indisposizione – con Marco Malvaldi, autore noto al grande pubblico per la fortunata serie dei gialli del Bar Lume e chiamato qui a parlare del suo ultimo libro Il Secondo Principio (Il Mulino, 2021).
Chi già è in possesso del biglietto per la data del 10 ottobre si potrà presentare al Ridotto senza dover fare null’altro. Chi vuole prenotare può farlo a biglietteria@iteatri.re.it.
L’incontro di Malvaldi, a sua volta, sostituisce quello annunciato con Luigino Bruni e rinviato a data da destinarsi, sempre per indisposizione dell’autore.
Marco Malvaldi nel suo Il Secondo Principio (Il Mulino, 2021) chiama in causa un principio che gode di cattiva fama, ma che è una grande sfida per l’evoluzione umana e per la tecnologia. L’entropia dell’universo o di un qualsiasi sistema isolato è destinata ad aumentare nel tempo. Questo dice in sostanza il secondo principio della termodinamica, una delle poche formule veramente figlia del pensiero collettivo. Una disequazione che ha attraversato quasi due secoli lungo i quali ha rivelato gradualmente la sua natura: dalla metà dell’800, quando Rudolph Clausius la trova sperimentalmente, alla fine del secolo quando Ludwig Boltzmann ne spiega l’apparente assurdità, fino al 2000, quando Denis Evans la dimostra matematicamente. Questo principio è stato visto da molti come la dimostrazione che tutto è destinato a finire, ma va letto invece come una sfida per il presente: è difficile fabbricare strutture efficienti, ma questa difficoltà ci spinge a costruirle in modo intelligente e a migliorarle in continuazione.

Finalmente Domenica sarà trasmesso anche in streaming, grazie alla collaborazione con Edunova, il Centro Interateneo dell’Università di Modena e Reggio, e visibile gratuitamente sul sito www.iteatri.re.it e sulle pagine youtube e facebook della Fondazione I Teatri.

 



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu