Al Salone del libro di Torino l’omaggio della casa editrice Consulta allo scrittore reggiano Silvio D’Arzo

Silvio dArzo i suoi libri la sua storia

Ci sarà anche uno spazio dedicato allo scrittore reggiano Silvio D’Arzo alla XXXIV edizione del Salone internazionale del libro di Torino, in programma nella città piemontese fino al 23 maggio: l’iniziativa è della casa editrice reggiana Consulta librieprogetti, che si è assunta l’impegno di celebrare così il centenario della nascita di Ezio Comparoni, proponendo una selezione delle sue opere più importanti (come “Casa d’altri”, “Il pinguino senza frac”, “Essi pensano ad altro” e la raccolta delle sue poesie curata dal professor Giorgio Vioni).

Le opere, accompagnate da specifiche indicazioni, saranno disponibili presso il padiglione numero 2 allo stand H27, che accoglie editori indipendenti italiani sotto l’egida della Cna. Nello stesso stand saranno in mostra anche le opere vincitrici del quinto Premio letterario “D’Arzo”, che quest’anno è stato assegnato alla carpinetana Silvia Tedeschi per “Una manciata di mattoni rossi e di pallide parole”, e del terzo Premio nazionale di poesia “Luciano Serra”, assegnato nel 2022 a Lucia Diomede di Mola di Bari per la silloge “Cant’arsi”.

Le due vincitrici si alterneranno nello stand con Elisa Pellacani, che ha curato la pubblicazione di “Garden Books. Libri d’artista, giardini della mente”, il ponderoso catalogo del XIII Festival del libro d’artista di Barcellona: 712 pagine, con riproduzioni di 130 libri d’artista inediti di ogni parte del mondo, fotografati per l’occasione da Laura Sassi. Il volume accoglie i testi di una quarantina di esperti ed esperte (tra cui anche sette esponenti di Reggio: Roberta Cardarello, Lorenza Franzoni, Elena Iori, Giampiero Lupatelli, Sandro Parmiggiani, Ugo Pellini e Marco Ruini) che, con taglio interdisciplinare, esaltano il libro d’artista come “giardino della mente”.

Gli altri interventi, anche in altre lingue, coniugano ricerca scientifica e sperimentazione artistica e portano la firma di Marta Aguilar Moreno, Franco Arminio, Georgina Aspa, Douglas Pierre Baulos, Marilyne Bertoncini, Vitaliano Biondi, Marco Boccitto, Elena Bordacconi, Loretta Cappanera, Enrique Carro, Anita Cerpelloni, Bibiana Crespo-Martín, Mariko Date, Gwen Diehn, Iván García Sala, Daniela Kasimir, Simona Inserra, Izaki Taldea, Laura Ladendorf, Najla Leroy, Dámaris Llaudis, Graciela Machado, Susana Malagón, Eva Marxen, Margarita Mascaró, Stefano Mazzacurati, Monica Michelotti, Manfredi Patitucci, Sofia Piqueras Mir, Ramon Puig Cuyas, Alain Regnier, Carme Sol i Serena, Eleonora Spada, Marta Villa, Pia Wortham e Francesca Zoboli.

Il volume “Garden Books” è affiancato, nello stand torinese, a “Book Seeds”, il catalogo del Festival del libro d’artista che è stato realizzato nel 2015 in occasione dell’Expo di Milano.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu