Reggio si spegne, la ‘percezione’ di insicurezza

Attraverso viale Isonzo, con in testa «Tutta mia la città/Un deserto che conosco/Tutta mia la città», una canzone degli Equipe 84, e mi infilo, entrando da viale Allegri, nel piazzale Lancieri d’Aosta, dove ci sono alcune strutture di Unimore, e camminando ancora un po’ arrivo al parcheggio della ex caserma Zucchi, il cui toponimo è, appunto, piazzale Lancieri d’Aosta. È una sera buia e piovosa. È un mercoledì di metà gennaio. Sono le ore 21, più o meno.
Costeggiamo, sulla nostra sinistra, la sede principale di Unimore e usciamo dalla parte della Cavallerizza, nuovamente su viale Antonio Allegri. Transitano due auto. La percezione, come si usa dire, di solitudine è sconfortante. La parte nord del centro storico, zona Teatri e Università, dopo la chiusura dei negozi diventa di fatto un dormitorio o qualcosa di simile. Solo alcuni locali pubblici rimangono aperti, forse. E pure la pista di pattinaggio su ghiaccio, causa pioggia, è chiusa. Mi fermo in piazza della Vittoria per ammirare il monumento ai caduti, non lo fontana di piazza di Martiri del 7 luglio perché “spenta”.

Non passa nessuno, o quasi, e una fanale solitario si fissa nella foto digitale.
E mi torna in mente un’altra canzone: «La notte è tenera, tenera /giovane, giovane/ splendida, splendida / bella da morir…», quando, dopo le 00.30, sotto la pioggia, ritorno in via Cagni a prendere l’automobile.




Ci sono 10 commenti

Partecipa anche tu
  1. Fabrizio

    Questa narrazione calza perfettamente con il degrado filmato da “Le Iene” intitolato Reggio Emilia ,Vittorio Brumotti nella piazza di spaccio in centro città….
    E non dimentichiamo il servizio del Bordello accanto alla Polizia municipale di qualche anno fa’….. Ma l’amministrazione comunale che provvedimenti ha preso, non sono ancora riuscito a trovare articoli..

  2. Uno che si e' rotto i coglioni

    Tutti sanno ma nessuno ha il coraggio di dire qual’e’ il vero motivo di tutto questo: facciamone entrare ancora un po’ (avete capito di chi sto parlando), senza controlli, senza regole, senza una decente sorveglianza da parte di polizia e carabinieri…continuiamo così. Io me la ricordo bene Reggio Emilia negli anni 80 e 90 e non era così. Fate un po’ voi.

    • Guido

      Hai ragione, ci sarebbe un po più di movimento, e la gente sarebbe contenta di venire in centro ,perché lasciare una piazza deserta soli ad uso di extracomunitari,era molto meglio prima si parcheggiava e si faceva una vasca, ora si scappa dal centro

    • Fiorentina Corvino

      Certamente che in queste vie negli anni 80 / 90 si andava a fare la vasca x Reggio. Non si aveva paura né degli orari e neppure di essere da soli o una coppia che voleva fare una passeggiata ! Adesso di sera si ha paura anche di portare fuori il pattume ! 😱

      • Ciccio

        Perché non portarlo fuori di giorno il pattume se la sera hai cosi’ paura? E cmq negli anni 80 a Reggio c’erano almeno 3 ben note mini gang, oltre ad associazioni non proprio mini. E’ giusto affrontare i problemi contemporanei ma bisogna pur ricordarsi del passato senza romanticherie.

    • Ciccio

      Certo, del resto la piazza e le strade che la tagliavano prima della ristrutturazione non erano fatte in cemento ed asfalto…e i 150 metri che separano il parcheggio della Zucchi dalla piazza sono effettivamente tanti.

  3. il blasfemo

    E ripristinare la possibilità di parcheggiare in Piazza della Vittoria? E’ blasfemo? Non è forse meglio qualche macchina e un pò di vita in centro piuttosto di questo deserto dei tartari (e almeno fossero tartari, ma sono delinquentelli, bulli, spacciatori…).


Invia un nuovo commento