Morto Turrini, ex presidente di Coop Alleanza

Adriano Turrini

Nella notte tra mercoledì 22 e giovedì 23 settembre è morto il cooperatore bolognese Adriano Turrini, 65 anni, ex presidente di Coop Alleanza 3.0, incarico che lasciò nel giugno del 2020 per occuparsi del proprio stato di salute. Nato e residente a Crespellano, è stato anche presidente e direttore generale di Coop Costruzioni, vicepresidente di Banca di Bologna e consigliere di Unipol Assicurazioni, di Coop Adriatica e del Consorzio Cooperative Costruzioni.

Ha ricoperto inoltre numerosi ruoli nell’ambito del mondo cooperativo e associativo emiliano: fu presidente di Legacoop Bologna dal 1998 al 2004, presidente di Corticella Molini e Pastifici dal 1996 al 1998, presidente di Assicoop Sicura, vicepresidente di Unicarni, presidente della Confederazione italiana agricoltori dal 1982 al 1991, responsabile del settore agroalimentare di Legacoop Bologna dal 1991 al 1998. È stato inoltre consigliere della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, di Bologna Fiere e della Camera di commercio bolognese.

* * *

“L’improvvisa scomparsa di Turrini lascia increduli e sgomenti”, ha commentato il presidente di Legacoop Emilia-Romagna Giovanni Monti, sottolineando che “nulla lasciava presagire un epilogo tanto tragico. Adriano era un amico, con lui ho condiviso tre anni come vicepresidente di Coop Adriatica. Era una persona che ha sempre dato tutto se stesso alla cooperazione fin da quando, da ragazzo, iniziò a lavorare in un negozio della Coop per poi risalire, grazie alle sue capacità, tutta la filiera della cooperazione e diventarne uno dei suoi esponenti di punta. Ci mancherà tantissimo, mancheranno le sue idee, sempre in sintonia con i valori della cooperazione e sempre proiettate verso il futuro. A nome della cooperazione emiliano-romagnola esprimo il più profondo cordoglio alla moglie, ai figli, ai nipoti che tanto amava”.

“Adriano Turrini ha attraversato più di trent’anni di vita cooperativa”, ha ricordato con profondo cordoglio il presidente di Legacoop Emilia Ovest Edwin Ferrari: “Anni di crescita, di evoluzione ma anche anni difficili, di scelte complesse. La necessità di non perdere le radici ma di guardare al futuro. Futuro non sempre accomodante per la cooperazione, che assieme all’impellenza di competere sui mercati porta l’onere e l’onore di essere società, comunità, partecipazione. La nascita di Coop Alleanza 3.0, il più grande laboratorio cooperativo d’Europa, ha visto come protagonista Adriano. Un progetto difficile, coraggioso, che ancora sta affrontando la sua strada. Purtroppo Adriano non potrà assistere all’evoluzione di quella visione fondativa di unità e futuro. Sono però sicuro che oggi tutte le cooperatrici e tutti i cooperatori si sentiranno più responsabili nel compiere quel cammino, con lo sguardo avanti ma con tanta storia da onorare”.

Anche il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha espresso il suo cordoglio per la scomparsa: “La vita e la storia professionale di Adriano Turrini incarnano la storia della cooperazione in Emilia-Romagna: a quel mondo ha dato tutto se stesso, dagli inizi come dipendente in un negozio fino a diventarne uno dei rappresentanti più importanti, illuminati e innovatori. Ha sempre dimostrato valori forti e portato avanti un’etica di rispetto e valorizzazione delle persone. Credeva nella collettività più che nei singoli ed era profondamente legato a questa regione. Ci mancherà molto, ma non dimenticheremo il suo esempio. Alla moglie, ai figli e a tutti i suoi familiari va il mio abbraccio e le più sentite condoglianze, anche a nome di tutta la giunta regionale”.

“Ci stringiamo ai familiari e partecipiamo al loro dolore per la scomparsa di Adriano, che rappresenta una perdita grave per tutti noi”, ha detto il presidente nazionale di Legacoop Mauro Lusetti: “Oggi è un giorno di profonda tristezza per quelli che, come me, hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di apprezzarne l’intelligenza e la genuina passione che hanno ispirato il suo impegno per affermare i nostri valori e per far crescere l’impresa cooperativa. Ci mancherà e conserveremo vivo il ricordo di un dirigente capace e di un uomo di alto spessore etico e morale”.

In segno di rispetto e di partecipazione al lutto, Legacoop ha deciso di rinviare a data da destinarsi la riunione della direzione nazionale in programma inizialmente per la giornata di giovedì 23 settembre.



C'è 1 Commento

Partecipa anche tu

Invia un nuovo commento