Fino al 9 gennaio in Emilia-Romagna 75 corse ferroviarie su 880 sostituite da autobus o altri treni regionali

Trenitalia Tper personale ER

L’evoluzione della pandemia di nuovo coronavirus, caratterizzata in quest’ultimo scorcio di dicembre da un vertiginoso aumento dei contagi, che non sta risparmiando nemmeno il personale del servizio di trasporto ferroviario regionale, ha reso necessaria una riorganizzazione dell’offerta dei treni regionali in Emilia-Romagna.

Fino a domenica 9 gennaio, infatti, 75 delle circa 880 corse ferroviarie regionali giornaliere saranno sostituite da autobus o da altri treni regionali a partenza ravvicinata. Le corse interessate sono state individuate tra quelle a minor frequentazione e con alternative (autobus o altro treno regionale, appunto) meno penalizzanti.

L’elenco dettagliato delle corse, già trasmesso ai comitati dei pendolari, può essere consultato sul sito di Trenitalia Tper.

La decisione è maturata dopo un confronto tra la Regione e Trenitalia Tper, resosi necessario dopo l’impennata dei contagi e delle quarantene che sta creando disagi anche nel settore dei trasporti dell’Emilia-Romagna. Una situazione che viene costantemente monitorata: non si escludono, da qui al 9 gennaio, ulteriori modifiche quotidiane, determinate in base alle assenze registrate tra il personale del servizio ferroviario. Per questo motivo Trenitalia Tper ha raccomandato a tutti i viaggiatori di consultare il proprio sito prima di mettersi in viaggio.

“La tutela della salute è la nostra priorità assoluta”, ha spiegato l’assessore regionale a infrastrutture e trasporti Andrea Corsini: “Per questo, considerata l’evoluzione pandemica di questi ultimi giorni, insieme a Trenitalia Tper abbiamo lavorato per trovare un punto di equilibrio per contenere il più possibile i disagi per i viaggiatori; abbiamo previsto bus aggiuntivi che integrino l’offerta e consentano l’utilizzo del trasporto pubblico. Una situazione in evoluzione che monitoriamo costantemente e che, ci auguriamo, possa risolversi al più presto”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu