Dai benedettini a Internet

ENR_5353

Reggio riscopre i Chiostri di San Pietro.

Il Rinascimento torna ad animare e ad arricchire di bellezza la vita dei reggiani. Lo fa valorizzando uno dei simboli più nobili della sua storia, dopo secoli d’abbandono e di colpevole ignoranza.

Con il nuovo restauro conservativo del monastero benedettino ora il passato rivive nel presente e si proietta nel futuro. Dal cinquecento ad internet, dalla comunione di fede alla coesione sociale, dall’arte alla comunicazione digitale, tutto sembra tenersi e segnare una continuità di espressioni innovative e di valori sociali al servizio della cultura e dell’uomo. L’opera di conservazione e di ristrutturazione dell’immobile e i materiali utilizzati, al di là delle diverse e contrastanti valutazioni tecniche sempre possibili e lecite, ha mantenuto un filo conduttore coerente con la realtà originale e le finalità che l’insieme del progetto si è proposto.

Il partenariato pubblico-privato-comunitario, grazie alla procedura competitiva con negoziazione che ha portato alla designazione del soggetto gestore, ha permesso di passare dalla economia della produzione a quella della conoscenza, mettendo in campo le competenze e le esperienze più significative sulla valorizzazione del patrimonio artistico e sul Welfare di comunità. Innovazione e coesione sociale, digitalizzazione, collaboratorio, co-working, cooperativa di comunità, pedagogia urbana, osservatorio degli impatti sociali, caffetteria, non sono solo titoli ma sfide concrete che le cooperative sociali e i loro consorzi (Quarantacinque e Romero) ed altri soggetti economici privati hanno deciso d’affrontare, avvalendosi delle strutture tecnologicamente innovative predisposte dall’amministrazione comunale e degli spazi aperti antistanti la struttura monumentale.
I lavori sono stati possibili grazie a un finanziamento di 3 milioni di euro della Regione Emilia-Romagna e ad uno comunale pari a 1,2 milioni. Gli spazi nuovi sono stati concepiti per essere flessibili e modulari e per questo in grado di conformarsi a diverse esigenze e a diverse attività.

Gli eventi culturali, le mostre, le iniziative formative, la conoscenza e la promozione del bene architettonico rappresentano l’altra faccia, non meno importante, di un comune percorso che intende collocare Reggio fra le città più rispettose della sua storia e più votate ad abbracciare e governare il futuro.

Come ha affermato il sindaco Luca Vecchi in occasione dell’inaugurazione ufficiale “Questo spazio rinnovato tiene insieme la cultura, la socialità e la storia di Reggio e con questo recupero ha fatto un grande salto di qualità rispetto al suo essere una polarità attrattiva del territorio capace di ospitare tantissimi eventi ed essere luogo della sperimentazione sociale e della creatività”.




Non ci sono commenti

Partecipa anche tu