Con il Decreto Lavoro è slittato al 31 agosto il termine di sospensione dell’attività di riscossione fiscale

agenzia-entrate

Con l’art. 2, comma 1 del decreto legge n. 99/2021 (il cosiddetto Decreto Lavoro), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 155 del 30 giugno scorso e recante “Misure urgenti in materia fiscale, di tutela del lavoro, dei consumatori e di sostegno alle imprese”, è stato prorogato al prossimo 31 agosto il termine di sospensione (precedentemente fissato al 30 giugno dal cosiddetto Decreto Sostegni-bis) del versamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all’agente della riscossione.

I pagamenti dovuti, riferiti al periodo compreso tra l’8 marzo del 2020 e il 31 agosto di quest’anno, dovranno essere effettuati entro il mese successivo alla scadenza del periodo di sospensione, dunque entro il prossimo 30 settembre. Maggiori dettagli, informazioni, aggiornamenti e testi normativi sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle entrate.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu