Approvato il bilancio di previsione dell’azienda servizi Bassa reggiana

asilo_campo_estivo

Durante l’ultimo Consiglio dell’Unione Bassa Reggiana, è stato approvato il Bilancio di previsione 2021 dell’Azienda Servizi Bassa Reggiana che gestisce i servizi 0-6 anni degli 8 comuni associati (Boretto, Brescello, Gualtieri, Guastalla, Luzzara, Novellara, Poviglio, Reggiolo). Congiuntamente è stato approvato anche il Piano-Programma e il Bilancio Triennale 2021-2023.

La previsione del valore della produzione per l’anno 2021 è di € 13.774.834: essa comprende, i trasferimenti da parte dell’Unione, l’incasso delle rette di frequenza dei servizi erogati e i contributi regionali e statali incassati. I costi previsti invece riguardano prevalentemente le voci del personale, che incidono per il 52% del totale, dei servizi (43%), delle forniture (3%) e di altri costi.

“Si tratta di un Bilancio positivo che conferma l’impegno dell’Unione Bassa Reggiana nel sostenere un sistema educativo e sociale diffuso nel territorio e di qualità, in grado di rispondere positivamente ai bisogni di famiglie e cittadini – spiega la Presidente dell’Unione Camilla Verona – Con il bilancio di previsione approvato qualche giorno fa dal Consiglio dell’Unione Bassa Reggiana confermiamo un’offerta di elevata qualità pedagogica e organizzativa dei servizi per la fascia di età 0-6 anni, per la fascia 6-14 anni e relativamente al servizio di genitorialità e tutela minori. Considerato, poi, il particolare frangente segnato dalle difficoltà anche economiche della pandemia, gli 8 sindaci dei comuni soci hanno voluto fare qualcosa di più per andare incontro alle famiglie, introducendo un sistema di scontistica proporzionale ai giorni di assenza, ad integrazione di quella già applicata di norma, da utilizzare sia nel caso di assenze generiche, sia nel caso in cui si chiudano sezioni per quarantene dovute a provvedimenti dell’Asl causa Covid”.

Si conferma, inoltre, per il territorio anche la possibilità di usufruire del “Contributo al nido con la Regione” come lo scorso anno: la riduzione delle rette interesserà i nuclei famigliari con una ISEE massimo di 26 mila euro. Le famiglie potranno godere di una scontisitica applicata sulla retta a partire già dal prossimo mese e per tutto l’anno scolastico 2020/2021. Per molte famiglie iscritte ai nidi d’infanzia della Bassa reggiana si prevede dunque l’accesso a servizi di alta qualità quasi a costo zero.

IL NUOVO CDA DELL’AZIENDA SPECIALE BASSA REGGIANA – Nuovo anche il Consiglio di amministrazione dell’Azienda Speciale, approvato nei giorni scorsi all’unanimità dalla Giunta dell’Unione Bassa Reggiana e composto da tre membri, un presidente e due consiglieri, che durano in carica per il triennio 2021-2023 come da statuto. Si tratta di figure riconosciute per l’alta professionalità e l’esperienza maturata in ambito pubblico e privato, i cui curricula rispondono ai criteri fissati dalla Giunta stessa dell’Unione:

Massimiliano Maestri, residente a Guastalla, libero professionista iscritto all’ordine degli ingegneri, ha assunto negli anni diversi incarichi di tipo politico amministrativo che hanno contribuito all’acquisizione di competenze nell’ambito degli enti pubblici. È stato sindaco del comune di Gualtieri, mantenendo le deleghe dei lavori pubblici, del personale, casa e sanità), e presidente dell’Unione Bassa Reggiana, con deleghe al personale e ai rapporti istituzionali. Nel nuovo CdA dell’Azienda Speciale, ricopre l’incarico di Presidente. Elisabetta Musi, di Parma, è docente di Pedagogia della famiglia e di Pedagogia della prima infanzia nel “Corso di Laurea triennale in Scienze dell’educazione e della formazione”, e di Pedagogia dei servizi per l’infanzia in Italia e in Europa nel Corso di Laurea Magistrale in “Progettazione pedagogica nei servizi per minori” presso l’Università Cattolica del S. Cuore, sede di Piacenza. Da diversi anni è membro del Comitato scientifico in varie testate e pubblicazioni specialistiche, come le Collane “I territori dell’educazione” e “Infanzie” per la Casa Editrice FrancoAngeli (Milano) mentre è co-direttrice della Collana “Vita emotiva e formazione” della stessa casa editrice. Dal 2016, inoltre, è responsabile del coordinamento pedagogico dei nidi, delle sezioni primavera e delle scuole dell’infanzia Fism di Piacenza e provincia (in totale 32 servizi tra nidi e scuole dell’infanzia). Nel CdA dell’Azienda Speciale Bassa Reggiana la professoressa Musi ha l’incarico di consigliere, insieme a Paride Barani di Boretto, commercialista, che vanta una lunga e apprezzata esperienza come consulente in ambito amministrativo, contabile, fiscale e contrattuale presso enti pubblici e privati. È, inoltre, revisore legale e amministratore in società e istituzioni pubbliche e private e consigliere del Comitato scientifico nazionale “Gruppo Odcec Area Lavoro”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu