Aemilia, oltre 70 i concerti in regione

concerti_aemilia1

Una iniziativa che lo scorso anno, pur nella difficoltà del momento, ha ottenuto un successo straordinario e che quest’anno è stata accolta con rinnovato entusiasmo dai Comuni interessati a conferma, ancora una volta, che la cultura non si ferma ma continua ad allargare le sue radici sul territorio svolgendo la sua funzione sociale e civile.

«La Toscanini – sottolinea Alberto Triola, Sovrintendente e Direttore Artistico – ripropone il progetto Aemilia che la scorsa estate contribuì ad un cambio radicale di passo rispetto alla vocazione e all’impegno regionale dell’Orchestra garantendo concerti in tutta la Regione, toccando tutte e nove le Province, dai confini con la Lombardia a quelli con le Marche. Anche quest’anno La Toscanini diventerà l’Orchestra dei borghi, delle piazze, dei castelli, dei chiostri e delle chiese confermando l’impegno e la consapevolezza di esser lo strumento a disposizione del territorio, dei cittadini e della regione. L’impegno è evidente anche nelle zone più lontane e difficilmente raggiunte dalle proposte musicali e soprattutto il numero dei concerti e la varietà dei programmi proposti può esser garantito grazie alla concomitante presenza dell’Orchestra dell’Emilia-Romagna e della nuova nata La Toscanini NEXT. Questo impegno fa parte del DNA dell’Orchestra e sono particolarmente felice e soddisfatto di poter dire che proprio nel momento più difficile della storia dello spettacolo degli ultimi decenni, la nostra Fondazione non ha arretrato neppure di un centimetro, anzi, ha moltiplicato i suoi sforzi e il suo impegno».

Tra gli artisti impegnati, il Direttore Principale Enrico Onofri, il primo violino Mihaela Costea in qualità di solista e concertatore, e molte prime parti della Filarmonica Toscanini in formazioni cameristiche.

I concerti si svolgeranno nell’ambito di Rassegne e Festival gestite sia da Amministrazioni locali sia da Associazioni private. Tra questi la prestigiosa Sagra Malatestiana di Rimini, i Teatri di Modena e Reggio Emilia, il Festival Verdi, la Casa della Musica di Parma, l’Emilia-Romagna Festival, la rassegna Mundus, la stagione del Conservatorio Arrigo Boito di Parma e la Stagione Estiva Sassuolo 2021, solo per citarne alcune, con una attenzione particolare ai programmi che toccheranno generi diversi per una proposta musicale brillante ed accattivante nello stile de La Toscanini.

Prestigiosi, e in alcuni casi inusuali, i luoghi che ospiteranno i concerti, nei capoluoghi di provincia così come nei piccoli comuni. Dai Luoghi del cuore FAI come l’Abbazia di Pomposa a Codigoro (Fe), il Chiostro di San Pietro di Reggio Emilia, il Chiostro di San Francesco a Cesena.

Nove le province interessate: Parma, Modena, Bologna, Piacenza, Ravenna, Ferrara, Forlì, Reggio Emilia, Rimini. Otto i concerti a Parma città, tra Arena Shakespeare, Casa della Musica e Parco della Musica. Due i concerti a Sassuolo nel parco di Villa Giacobazzi, tre a Villa Malerbi di Lugo. La Toscanini NEXT si esibirà anche al Museo Scodellino di Castel Bolognese, al Museo di Casa Romei (FE) e nel complesso industriale SPIP, di Parma.

Cinque i concerti della rassegna Musica in Collina realizzati da La Toscanini in collaborazione con l’Unione Pedemontana Parmense che vedranno impegnati Mihaela Costea e gli Archi della Filarmonica Toscanini il 1° luglio nel Cortile d’onore del Castello di Montechiarugolo e il 18 settembre al Parco Nevicati di Collecchio. In programma, il 1° luglio, Lyrisches – Andante per archi, di Max Reger, la Serenata per archi in do maggiore, op. 48 di Pëtr Il’ič Čajkovskij, la Méditation dall’opera Thais di Jules Massenet e la Simple Symphony, op. 4 di Benjamin Britten. Il 18 settembre il porgramma prevede le Variazioni su un tema originale op. 15 di Henryk Wieniawsky, la Cantabile di Niccolò Paganini, Introduzione e Rondò Capriccioso op. 28 di Camille Saint-Saens, il Tema e variazioni da La Traviata di Giuseppe Verdi di Marc-Olivier Dupin.

La Toscanini Next si esibirà, in data da definirsi, nella Rocca Sanvitale di Sala Baganza con un programma dedicato ad Astor Piazzolla e il 10 settembre alla Corte Agresti di Traversetolo con una serata dedicata alle colonne sonore dai grandi film Hollywoodiani. Chiuderà la rassegna sempre la Toscanini NEXT il 30 settembre con il programma NEXT for Verdi al Teatro di Felino.

«La rassegna vuole essere un percorso di note che si rincorrono da un paese all’altro, creando un’Unione musicale di alto livello. Per un’estate nuova, diversa da tutte le altre, in cui ritrovarci e ritrovare il piacere della socialità – sottolineano Daniele Friggeri e Maristella Galli, rispettivamente assessore alla Cultura e al Turismo dell’Unione Pedemontana Parmense –. Musica in Collina vuole segnare la ripartenza della Cultura e come Unione abbiamo creduto molto nel sostenerla in questo periodo così difficile. Insieme a La Toscanini e al Teatro Regio, è in corso la realizzazione di un palinsesto di ampia portata e di maggior respiro, che possa dare soddisfazione ai nostri cittadini e garantire un supporto concreto a chi di Cultura vive».

I biglietti della Rassegna Musica in Collina saranno in vendita – fino alle ore 17 del giorno stesso del concerto – al costo di 10 € biglietto intero e 5 € biglietto under 30 presso la biglietteria del CPM Arturo Toscanini (0521-391339 e biglietteria@latoscanini.it) e on line sul sito www.biglietterialatoscanini.it. I biglietti invenduti potranno essere acquistati direttamente nel luogo del concerto a partire da 1 h prima dell’inizio.

Aemilia è realizzata grazie al sostegno della Regione Emilia-Romagna.

In particolare, per i concerti de La Toscanini NEXT si ringraziano Hera.comm e Assicoop Emilia Nord-Gruppo Unipol.

 

 



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu