A Modena nel 2020 la pandemia ha cancellato 5.000 posti di lavoro

lavoro operai fonderia occupazione

L’indagine sulla forza lavoro condotta dall’Istat ha evidenziato nel corso del 2020 un significativo calo dell’occupazione in provincia di Modena, nonostante fossero ancora attivi gli ammortizzatori sociali e i divieti di licenziamento per le imprese.

Gli occupati modenesi sono diminuiti di cinquemila unità (pari a una diminuzione tendenziale dell’1,6%), scendendo così complessivamente a quota 315.000, ai livelli del 2016. Di conseguenza è sceso anche il tasso di occupazione, passando dal 69,8% del 2019 al 68,5% dello scorso anno. È stata l’occupazione femminile quella maggiormente penalizzata, con un calo del 2,8%, contro il -0,6% di quella della componente maschile.

Le forze di lavoro sono diminuite di più rispetto agli occupati, scendendo di ottomila unità (-2,3%): in periodi di crisi e incertezze, infatti, come quello determinato dalla crisi pandemica attuale, le persone che faticano a trovare un’occupazione lavorativa vengono ulteriormente demotivate e si rimuovono dalla platea dei soggetti disposti a lavorare.

In provincia di Modena questo fenomeno è risultato ancora più accentuato. Sono diminuite di tremila unità le persone in cerca di occupazione (-13,6%), facendo scendere anche il tasso di disoccupazione, passato dal 6,5% del 2019 al 5,8% del 2020: un calo tuttavia non propriamente positivo, in quanto derivante appunto non dall’aumento degli occupati, bensì dal generale sconforto che porta le persone già disoccupate a desistere dalla ricerca di un nuovo lavoro. Specularmente alla diminuzione delle forze di lavoro, infatti, sono aumentati gli inattivi (+3,8%), facendo salire il corrispondente tasso di inattività dal 25,2% del 2019 al 27,2% dello scorso anno.

In Emilia-Romagna si è registrato un calo degli occupati maggiore (-43.000 unità, pari a un -2,1% tendenziale): tuttavia, contrariamente a Modena, sono risultate in aumento le persone in cerca di occupazione (+1,7%), fattore che a livello regionale ha fatto aumentar il tasso di disoccupazione dal 5,5% del 2019 al 6,9% del 2020.

Ritornando al livello provinciale, il calo degli occupati nel Modenese è stato molto rilevante in alcuni settori economici: -11,3% nell’industria manifatturiera, -7,7% nelle costruzioni e -6,8% nel commercio; in aumento, invece, l’occupazione nei servizi (+7,4%) e in agricoltura.

A causa di queste variazioni è cambiata leggermente la composizione degli occupati per settori di attività: la quota maggiore è ora attiva nei servizi (41,1%), che hanno superato così l’industria (34,8%), seguita a sua volta dal commercio (16%). Nonostante la flessione rilevante, tuttavia, l’industria manifatturiera modenese ha conservato il suo ruolo preponderante rispetto alle quote registrate nel contesto regionale e italiano. Sono rimaste invece basse le percentuali di occupati nelle costruzioni (3,8%) e in agricoltura (2,8%), settore quest’ultimo che ha visto comunque raddoppiare la propria quota di occupati.

Per quanto riguarda la disoccupazione giovanile, quella della provincia di Modena (20,2%) è risultata in linea con la media regionale (21,3%), restando tuttavia sempre inferiore a quella nazionale (29,4%). Le province più penalizzate in Emilia-Romagna sono state quelle prevalentemente turistiche come Rimini (37,5%) e Ravenna (27,6%).



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu