Venerdì 25 giugno ai chiostri di San Pietro il TEDxReggioEmilia “eQuality”

TEDxReggioEmilia 2021 eQuality

Venerdì 25 giugno alle 21.30, nella suggestiva cornice dei chiostri di San Pietro, TEDxReggioEmilia presenta l’evento “eQuality”, organizzato in collaborazione con il Comune di Reggio all’interno della rassegna estiva “Restate” e delle iniziative di “365 Giorni Donna”. Otto talk della durata massima di 18 minuti ciascuno per scoprire la forza delle parole e il potere del cambiamento, per una maggiore consapevolezza sul tema dell’uguaglianza.

Saliranno sul palco: Ivana Bartoletti, esperta di privacy, etica e governance nel campo dell’intelligenza artificiale e delle nuove tecnologie; Arianna Ortelli, giovane fondatrice di una startup che sta sviluppando una piattaforma di gaming per persone ipovedenti; Lorenzo Gasparrini, filosofo femminista e formatore; Luca Trapanese, presidente di un’associazione che offre a persone con disabilità l’opportunità di socializzare e integrarsi nella comunità; Marcella Corsi, professoressa di economia all’università Sapienza di Roma che coordina Minerva, un laboratorio su diversità e disuguaglianza di genere; Sara Manfredi, art director, curatrice indipendente e co-founder del collettivo Cheap; Francesca Fornario, giornalista e autrice satirica in radio e in tv; Bellamy Graham, cultural curator, attivista e fondatrice di Afroitalian Souls. La serata sarà condotta da Veronica Benini, imprenditrice e digital strategist, meglio conosciuta in rete come Spora.

L’evento osserverà tutte le misure di sicurezza anti-Covid. Sarà possibile assistere alla serata anche in streaming dai locali del Collaboratorio, lo spazio innovativo situato proprio in prossimità dei chiostri (su prenotazione, con posti limitati), o comodamente – e gratuitamente – da casa, tramite lo streaming sul sito di TEDxReggioEmilia.

“Uguaglianza, inclusione, femminismo, talento, diritti, consapevolezza: attraverso la forza di queste parole TEDxReggioEmilia vuole testimoniare come sia possibile lottare per i propri diritti con lealtà e rispetto, facendosi valere e provando a cambiare con coraggio”, hanno spiegato gli organizzatori dell’evento, coordinati da Laura Credidio e Sara Gilioli: “Abbiamo bisogno di parole incoraggianti, di favorire un uso della tecnologia inclusivo e consapevole, per porre il focus sulla bellezza dentro e intorno a noi, per farci ispirare e trovare nuove motivazioni. Un nuovo umanesimo, che parta dalle parole e dagli esempi concreti, per insegnare alle bambine e ai bambini, alle ragazze e ai ragazzi e alle persone tutte che possono lottare per un mondo inclusivo in cui chiunque può progettare la propria vita e dar vita ai propri desideri”.


“eQuality significa contrasto a ogni forma di discriminazione, a cominciare da quelle legate alla diversity, ovvero gli stereotipi di genere, origine, colore della pelle. Significa voler prevenire la violenza contro le donne, le disparità di trattamento, il sessismo e l’omofobia, ma anche la volontà di affermare quanto sia importante una riflessione sull’uso consapevole del web e delle tecnologie come strumenti per produrre e condividere valori di umanità e di welfare per tutta la comunità”, ha aggiunto l’assessora alla cultura e alle pari opportunità del Comune di Reggio Annalisa Rabitti.

“Ciò che vogliamo promuovere, con TEDxReggioEmilia, è perciò una cultura dell’inclusione, della parità dei diritti e del rispetto delle differenze, dando voce alle persone che si sono fatte paladine dei valori che sosteniamo. Ci teniamo a diffondere una cultura dei diritti ribadendo l’idea che ogni luogo è culturale, difatti “La cultura non sta al suo posto” è il nostro slogan e per questo porteremo il TEDx e il tema delle pari opportunità anche in contesti non scontati come il carcere, perché siamo e vogliamo essere una comunità inclusiva e una città – come recita il titolo di un nostro importante progetto di mandato – “senza barriere”.

In virtù della collaborazione con il Comune e il progetto comunale Reggio Emilia Città senza barriere, l’evento sarà accessibile anche alle persone sordomute grazie alla presenza di interpreti Lis, la lingua dei segni italiana che proprio lo scorso 19 maggio è stata riconosciuta ufficialmente dallo Stato con l’articolo 34-ter del Decreto Sostegni. Farà inoltre parte del team di volontari anche un gruppo di persone con disabilità, che daranno il loro contributo nell’organizzazione dell’evento.

Le ispirazioni e i valori dell’iniziativa arriveranno anche dentro le mura del carcere cittadino, dove sarà avviato un progetto di condivisione e confronto sui talk dell’evento “eQuality”. Durante la serata sarà inoltre distribuito al pubblico un quaderno di pensieri scritto da ragazzi con disabilità del Giardino del Baobab.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu