Una Reggio tutta da ridere nel nuovo romanzo di Pier Francesco Grasselli

TROMBA DARIA cover

«So benissimo che Daria non fa per me, che è troppo stronza, troppo furba, troppo sexy perché possa essere una buona compagna. In effetti, è proprio il genere di donna da cui bisogna girare alla larga – il genere di donna che irrompe nella vita d’un poveretto come una tromba d’aria. Purtroppo non riesco a togliermela dalla testa.»

(dalla quarta di copertina)

La nostra città, con i sui personaggi celebri, le sue macchiette, le sue tare e le sue fisime, è dipinta a colori vivacissimi nel nuovo esilarante romanzo di Pier Francesco Grasselli, “Tromba Daria”, dove Daria è una vera e propria femme fatale de nuêter.

Con “Tromba Daria”, lo scrittore reggiano torna a far ridere. Sulla scia di “Ho scaricato miss Italia” e di “Fanculo amore” (entrambi editi da Mursia), “Tromba Daria” è una storia d’amore e di sesso, piena di gag sui rapporti tra gli uomini e le donne, sul ritorno a casa di un artista che ha vissuto nella capitale, sul conflitto fra sessualità e misticismo. Provocatoriamente definito dall’autore «Il mio J’accuse alle fighe di legno arzâne», questo spassosissimo lavoro di Grasselli è ambientato a Reggio Emilia come molte delle sue opere. Il romanzo è già disponibile su Amazon.

Chi è?

Pier Francesco Grasselli è l’autore della scandalosa trilogia «maledetta» composta dai romanzi L’ultimo Cuba Libre (Mursia, 2006), All’inferno ci vado in Porsche (Mursia, 2007) e Vivere da morire (Mursia 2010), dei romanzi Ho scaricato Miss Italia (Mursia, 2008) e Fanculo amore (Mursia 2009), della raccolta di poesie Sempre meglio che lavorare – Donne, solitudini e cocktail (Poesie 1998-2018) (thedotcompany editore) e della monumentale opera illustrata, in cinque volumi, La Ricerca di Sé stessi (Amazon). Segnalate dalla critica come «Romanzi cattivi» (Panorama) e «Ritratto di una generazione» (Libero), le sue opere si sono imposte per l’originalità dello stile narrativo e la durezza delle vicende che raccontano. Info: www.pierfrancescograsselli.com.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu