Spari alla stazione ferroviaria San Vitale di Bologna, 21enne arrestato per tentato omicidio

sparatoria alla stazione San Vitale di Bologna

I carabinieri di Bologna hanno arrestato un ragazzo di 21 anni di nazionalità tunisina, senza fissa dimora e con precedenti alle spalle, ritenuto il responsabile dell’esplosione di alcuni colpi di arma da fuoco dalla banchina del binario 3 della stazione ferroviaria San Vitale di Bologna.

L’episodio è avvenuto nel primo pomeriggio di martedì 25 gennaio, poco dopo le 15.30: stando agli accertamenti condotti dai carabinieri, coordinati dal pubblico ministero della procura di Bologna Antonello Gustapane, sarebbe stato proprio il 21enne a sparare due colpi diretti verso un’altra persona, che è riuscita a scappare. Secondo gli inquirenti, quanto accaduto sarebbe riconducibile a un regolamento di conti nel mondo dello spaccio cittadino.

Sono stati alcuni residenti della zona, allarmati per aver sentito i colpi, a chiamare il 112. Sul posto, oltre alla polizia, sono arrivati anche i militari del nucleo investigativo e radiomobile, che hanno raccolto elementi e testimonianze riuscendo a intercettare il ragazzo, che nel frattempo si era allontanato. Il giovane è accusato di tentato omicidio aggravato dai motivi abietti, di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso e di porto abusivo di arma da fuoco (risultata illegalmente detenuta): in attesa dell’udienza di convalida, il ventunenne è stato portato in carcere.

Nella giornata di mercoledì 26 gennaio lungo i binari della stazione sono proseguite le ricerche dei bossoli esplosi e della pistola, non ancora ritrovata, di cui il giovane si sarebbe liberato durante la fuga. Si sono rivelate utili alle indagini, che mirano a individuare eventuali altri complici, anche le immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza della stazione, che hanno immortalato il 21enne con in mano la pistola.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu