Nuovi vertici Reggio Children: presidente Fondazione Carla Rinaldi, nel Comitato scientifico Delrio

rinaldi

Sono stati rinnovati i vertici – presidenze e consigli di amministrazione – di Fondazione Reggio Children e Reggio Children srl, attori fondamentali di ricerca, solidarietà, formazione e tutela del Reggio Emilia Approach e della proposta educativa di Reggio Emilia.

Eletti dalle rispettive assemblee dei soci, a cui hanno partecipato il sindaco Luca Vecchi e l’assessora a Educazione e Conoscenza Raffaella Curioni, presidenti e cda opereranno in una prospettiva di parziale ridisegno della governance di questi organismi, anche attraverso gli opportuni correttivi statutari, al fine di favorire una sempre maggiore collaborazione tra Reggio Children srl e Fondazione Reggio Children: un passaggio che richiederà, come avvenuto sino ad oggi, il coinvolgimento e la collaborazione di tutto il mondo educativo reggiano.

HA DETTO IL SINDACO – Ripercorrendo le sfide dei primi dieci anni della Fondazione Reggio Children e i suoi progetti, “una scommessa vinta e non scontata”, occupandosi di ricerca, solidarietà, educazione di qualità ed affrontando i temi dell’emergenza educativa, il sindaco Luca Vecchi ha detto in assemblea:

“Questa città oggi, soprattutto in questa crisi pandemica mondiale, ha l’occasione e il dovere di dare un contributo al mondo, producendo innovazione sul ruolo che la cultura dell’infanzia può dare alla contemporaneità. Per questo come Comune stiamo lavorando per rafforzare e valorizzare al meglio i progetti e le identità nati dall’esperienza educativa alla prima infanzia a Reggio Emilia, per una fase di ulteriore rilancio e sviluppo”.

Nell’assemblea di Reggio Children srl, il sindaco ha sottolineato come “la storia dei nidi e delle scuole d’infanzia è una storia importante, la principale competenza distintiva di Reggio Emilia in Italia e nel mondo. L’epoca contemporanea ci trasferisce nuove sfide, da un lato un presente difficile nel pieno dell’epoca pandemica, dall’altro le grandi opportunità del Pnrr per progettare un futuro nel quale lo Stato italiano investirà oltre 4 miliardi di euro nei nidi e scuole d’infanzia. Forse mai come in questa difficile contemporaneità si rinnova una sfida: partire da una educazione di qualità dei bambini fin dalla nascita per affrontare un mondo in cui ogni forma di fragilità è in costante espansione. Le innovazioni organizzative apportate in queste assemblee mirano a favorire una maggiore collaborazione ed integrazione tra Reggio Children srl e Fondazione Reggio Children con una più efficace azione sulla città e nel mondo e con l’obiettivo di integrarsi al meglio con la centralità dei nidi e delle scuole. Le persone coinvolte nei consigli di amministrazione, dunque, sono chiamate a tenere insieme lo sviluppo della relazione con la città e la crescita ulteriore dell’internazionalizzazione del sistema educativo, sentendosi parte della storia comune della nostra città che le politiche pubbliche da 60 anni a questa parte continuano ad accompagnare e rafforzare”.

Il sindaco, inoltre, ha ringraziato Claudia Giudici che – dopo sette anni alla guida dell’Istituzione Scuole e Nidi dell’infanzia e dopo sei anni alla presidenza di Reggio Children srl – continuerà ad essere una figura fondamentale del sistema educativo.

LE ASSEMBLEE – L’assemblea dei fondatori di Fondazione Reggio Children ha visto la partecipazione di Romano Sassatelli, presidente di Fondazione Manodori, Giuseppe Calabrese, presidente di Coopselios, Daniela Fabbi per CirFood – Cooperativa italiana di Ristorazione, Arturo Bertoldi per Gruppo Iren, Margie Cooper co-presidente di Narea-North American Reggio Emilia Alliance, Sonja Lundmark e Sara Nilsson Bruun del Rei – Reggio Emilia Institutet, Lori Ryan della la Boulder Journey school & School of Education & Human Development – University of Colorado. Si è svolta inoltre l’assemblea dei Soci sostenitori, che è costituita da 30 persone che hanno aderito a Fondazione Reggio Children grazie alla campagna tesseramento che ripartirà agli inizi dell’anno nuovo.

L’assemblea di Reggio Children srl è costituita da una cinquantina di soci, fra persone fisiche, imprese e soggetti istituzionali. La maggioranza della srl, che ha un capitale sociale di un milione di euro, è detenuta dal Comune di Reggio Emilia (510.000 euro), secondo socio la stessa Fondazione Reggio Children (circa 467.000 euro). Fra i soci che hanno partecipato all’assemblea, Federico Parmeggiani, quale presidente di LibrerieCoop, Sandra Piccinini già assessora all’Educazione e già presidente di Reggio Children srl, le pedagogiste Elena Giacopini, Tiziana Filippini e Mirella Rozzi.

IL NUOVO CDA DELLA FONDAZIONE REGGIO CHILDREN – Le due assemblee della Fondazione Reggio Children hanno così espresso il nuovo Consiglio di amministrazione. Il Comune ha indicato Carla Rinaldi, presidente uscente e riconfermata dal Cda, e Serena Foracchia, esperta in formazione e progettazione internazionale ed europea, già assessora alla Città Internazionale, che ora entra quindi a far parte del cda; gli altri Fondatori hanno indicato Annamaria Contini, professoressa ordinaria e direttrice del dipartimento Educazione e Scienze umane dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, quale nuovo membro del cda.

Sono stati confermati nel cda Harold Göthson, per Rei-Reggio Emilia Institutet, Margie Cooper per Narea, e Giuseppe Zizzo, manager e direttore uscente, che è stato indicato dai Soci sostenitori.

Sono stati ringraziati dal sindaco e dalla presidente i consiglieri uscenti Sandro Rubichi, professore ordinario di Psicologia generale presso il Dipartimento di Scienze biomediche, metaboliche e Neuroscienze di Unimore e Graziano Delrio, parlamentare, già sindaco di Reggio Emilia, che entra ora a far parte del Comitato scientifico di cui si avvale la Fondazione.

Il Comitato scientifico è costituito altresì da Howard Gardner, Carlo Feltrinelli, Susanna Mantovani, Italo Portioli, Gunilla Dahlberg, James Heckman, Paola Cagliari, Peter Moss, Francesco Profumo, Mitchel Resnik, Lester Irabinna Rigney.

Come sindaco revisore è stato nominato Gualtiero Bertella.

Fondazione Reggio Children nasce come fondazione di partecipazione no profit, in dialogo con partner locali, nazionali e internazionali per la promozione e la tutela dei diritti dell’infanzia. Fondazione promuove la stretta relazione tra ricerca e solidarietà.

Ricerca, innovazione, internazionalità, qualità e solidarietà in campo educativo sono gli

scopi, le principali “ragioni d’essere”, della Fondazione Reggio Children.

Riguardo agli ultimi due anni, segnati profondamente dall’emergenza pandemica, la Fondazione presenta alcuni dati significativi: 126 mila beneficiari diretti nel 2020, già diventati 146 mila nel 2021, 15 progetti nel 2020 e 19 nel 2021, 13 dipendenti nel 2020 e nel 2021, un valore della produzione nel 2020 di 1,9 milioni di euro.

IL NUOVO CDA DI REGGIO CHILDREN SRL – Il Consiglio d’amministrazione di Reggio Children srl passa da cinque a tre membri. Nuovo presidente è Cristian Fabbi, psicologo e pedagogista, sino ad oggi presidente dell’Istituzione Scuole e Nidi dell’infanzia di Reggio Emilia, è stato precedentemente consigliere di amministrazione di Reggio Children srl. Ha lavorato per l’International Bureau of Education di Unesco dal 2016 al 2021, ricoprendo anche il ruolo di coordinatore delle Politiche per la Prima infanzia e lavorando prevalentemente in Africa alla creazione di sistemi educativi per la fascia 0-6 anni. E’ stato consulente internazionale per diverse Ong, operando nei Balcani e in Palestina per lo sviluppo e l’accreditamento di scuole dell’infanzia.

Nuovo membro del cda è Saameh Solaimani, docente e ricercatrice universitaria in Educazione e Sviluppo della prima infanzia. Americana di origini iraniane, è anch’essa consulente senior di Unesco. Confermato nel cda il commercialista Simone Caprari.

Escono dal cda Claudia Giudici, presidente dal 2016 a oggi, e i consiglieri Stefano Bertini, Paola Cavazzoni e Mara Leporati.

Reggio Children srl ha l’obiettivo di tutelare e valorizzare il patrimonio educativo e culturale scaturito dall’esperienza delle Scuole e dei Nidi d’infanzia, proponendo la centralità dell’educazione nella definizione di tutte le politiche pubbliche. Promuovere studi e ricerche attorno ai temi dell’educazione privilegiando i temi dell’apprendere attivo, costruttivo e creativo dei bambini. Effettua attività di formazione – incontri, corsi, seminari – in particolare per educatori, insegnati e pedagogisti, da tutto il mondo, secondo gli elevati standard qualitativi della tradizione pedagogico-educativa reggiana: il Reggio Approach.

 

 

 



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu