Novellara. All’alt cerca di investire carabinieri e poi sperona l’auto di servizio

carabinieri_notte_new

Si apprestavano a procedere ai controlli dopo averlo fermato intimandogli l’alt: la prontezza di riflessi dei militari ha evitato peggiori conseguenze.

Il conducente, infatti, dopo un’apparente inziale collaborazione, è ripartito con l’auto puntando dritto sui i militari che riuscivano a scansarsi velocemente evitando di essere investiti dalla vettura in fuga.

Una serata al cardiopalma quella di giovedì tra le frazioni di Bettolino e Bernolda di Novellara, nella Bassa reggiana, che ha visto il fuggitivo, alla guida di una Citroen C3, imboccare contromano via Caldirana di Novellara e cercare di speronare un’altra auto, sempre dei carabinieri di Novellara, con a bordo il comandante giunto in aiuto ai suo uomini. Per evitare l’impatto violento il comandante della stazione di Novellara ha sterzato bruscamente, venendo comunque colpito alla fiancata destra. Quindi la fuga della C3, condotta da un nordafricano, che, inseguito, è stato bloccato dopo qualche chilometro.

E’ stato poi identificato nel cittadino marocchino Mounir Essadik, 26enne residente a Gattatico, ma di fatto senza fissa dimora. Immediatamente sottoposto a perquisizione è stato trovato in possesso di oltre 500 euro e un telefono cellulare, tutto sequestrato in quanto ritenuto di provenienza illecita.

Alla luce della condotta delittuosa tenuta dal marocchino, il 26enne è stato dichiarato in arresto e ristretto a disposizione della Procura reggiana.
A seguito del tentativo dell’investimento un militare per spostarsi ed evitare di essere colpito dall’auto è caduto a terra riportando escoriazioni giudicate guaribili in 5 giorni dai sanitari dell’ospedale di Reggio Emilia, dove il militare è ricorso alle cure mediche del caso. Mentre sono ancora al vaglio i motivi della condott del 26enne, incarcerato e denunciato per false indicazioni sulla propria dimora, avendo riferito di vivere a Gattatico, dove risiedeva e dove ora abita invece abitava un’altra persona. Dopo l’arresto i carabinieri di Novellara hanno avviato la proposta per un foglio di via obbligatorio per tre anni dal comune di Novellara.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu