Granarolo. Aggredisce una donna che lo aveva rimproverato per il linguaggio scurrile: arrestato

carabinieri auto mascherina

Mercoledì 13 ottobre un uomo è stato arrestato dopo aver aggredito con calci e pugni una signora di 71 anni che, poco prima, lo aveva rimproverato per aver usato un linguaggio scurrile mentre parlava al telefono. L’uomo, un trentenne residente a Granarolo, ha anche estratto dalla tasca un coltello, minacciando e ferendo a una mano un altro passante che si era avvicinato per difendere la pensionata.

L’episodio è accaduto intorno alle 12.30 nei pressi di una fermata dell’autobus in via San Donato a Granarolo dell’Emilia, nel territorio della città metropolitana di Bologna. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di San Lazzaro di Savena, che hanno bloccato e disarmato l’uomo: quest’ultimo, oltre ad aver opposto resistenza all’arresto, ha minacciati di morte anche i militari. Sarà giudicato per direttissima nella giornata di giovedì 14 ottobre.

Le due vittime dell’aggressione sono state entrambe assistite dal personale sanitario del 118: per la donna sono previsti 10 giorni di prognosi, mentre per l’uomo di 58 anni accorso in suo aiuto saranno necessari 15 giorni per guarire dalle lesioni riportate.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu