Covid, polemica su alcuni centri commerciali

coronavirus supermarket

Alcuni centri commerciali sono rimasti aperti, in questo fine settimana, suscitando polemiche, soprattutto da parte della concorrenza, e richieste di chiarimenti da parte delle prefetture al Ministero dell’Interno.
E’ successo, ad esempio, al Meraville di Bologna, alle Piazze di Castel Maggiore (Bologna), al Montefiore di Cesena e al Romagna Shopping Valley di Savignano sul Rubicone (Forlì-Cesena).

Questo perché sono classificati non come centri commerciali, ma come parchi commerciali. La prefettura di Forlì ha chiesto al ministero un chiarimento.

“Noi siamo un parco commerciale all’aperto – spiega sulla propria pagina il Meraville di Bologna – con accesso ai vari negozi separato, equiparabile ai negozi che si trovano sotto i porticati nei centri cittadini, anch’essi tutti aperti in Emilia Romagna (che è zona gialla e non rossa), e non si tratta di un centro commerciale, con i negozi riuniti in un unico ambiente chiuso, a cui invece fa riferimento il Dpcm”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu