Brucia ancora la foresta amazzonica

amazzonia

Queste nuove immagini satellitari pubblicate dall’ESA (European Space Agency) mostrano l’aumento dell’inquinamento atmosferico nell’Amazzonia brasiliana a causa degli incendi che hanno afflitto la regione il mese scorso. Le mappe mostrano l’aumento del monossido di carbonio e di altri inquinanti in agosto rispetto a al mese precedente, quando c’erano meno incendi. L’agenzia spiega che gli incendi hanno rilasciato nell’atmosfera l’anidride carbonica immagazzinata nelle foreste con un potenziale impatto globale sul clima e sulla salute.

L’Amazzonia brasiliana tuttavia continua a bruciare nonostante la moratoria di sessanta giorni sul disboscamento annunciata il mese scorso dal presidente Jair Bolsonaro. I dati del National Space Research Institute (INPE) del Brasile hanno mostrato che il numero di incendi in tutto il Brasile ha superato quest’anno i 100.000, il 45 percento in più rispetto allo stesso periodo del 2018. Renata Libonati, professoressa nel dipartimento di meteorologia del Rio de L’Università Federale di Janeiro, ha detto che a parte i gas, l’incendio delle foreste anche rilasciato particelle nell’atmosfera.
Gli esperti di salute pubblica dicono che gli studi dimostrano come l’inquinamento atmosferico, sia esso provocato da micro-particelle o da gas, porta ad un aumento dei problemi cardiovascolari e polmonari soprattutto tra i bambini piccoli e gli anziani. A Porto Velho, la capitale dello stato amazzonico della Rondonia in Brasile, persistendo il fumo persistente avrebbe causato un aumento di tali problemi respiratori. Il numero delle persone trattate per questo tipo di patologie è aumentato drasticamente ad agosto all’ospedale pediatrico Cosme e Damia. Le micro-particelle inquinanti inoltre possono anche essere trasportate dai venti in città che non si trovano nelle immediatamente vicinanze agli incendi.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu