Ciao Libertini! Il 27 Tondelli di nuovo a Reggio

Tondelli all’Hotel Posta

In anticipo sugli incontri “ufficiali” tesi a ricordare la figura di Pier Vittorio Tondelli, nel trentesimo anniversario della sua precoce scomparsa (1955-1991), “Ciao, libertini! Gli anni Ottanta secondo Pier Vittorio Tondelli” sta registrando il tutto esaurito nella data prevista del 27 novembre prossimo, a Reggio Emilia.

L’appuntamento, organizzato da 24Emilia con la partecipazione di ArciGay Gioconda, propone con un’anteprima assoluta sul territorio nazionale gli outtakes dal docufilm diretto da Stefano Pistolini che verrà trasmesso in dicembre nella sua forma integrale da SkyArte. Verrà proiettato in un luogo non casuale, tra quelli che nella città han visto il giovane Tondelli muovere i suoi passi di scrittore, ma forse prima ancora di ragazzo con le sue scoperte, le sue rivelazioni e quella voglia – o urgenza – di raccontarle che l’hanno visto, negli stessi luoghi, già uomo. Rivivono le immagini di lui nella storica Libreria del Teatro, dove quel librario, Nino Nasi – di cui in tanti ricordano un ruolo non cercato ma quasi talento innato, o non previsto, di catalizzatore – era sprone critico a viaggi in materiali e conoscenze non facilmente fruibili fuori da quelle strette pareti straripanti di libri affastellati; che oggi risentono della malinconia di quell’epoca in cui trovarsi, scambiarsi opinioni sui libri, sulle idee che in questi stavano nascosti attirava a sé lettori e curiosi di cercare, prima di tutto, se stessi. Così l’Hotel Posta, in cui Tondelli, già con i capelli tagliati e una giacca scura, viene ritratto nell’immagine che si è usata per i manifesti che annunciano l’incontro del prossimo 27 novembre. Curato da Nicola Fangareggi, giovanissimo nella foto, che invece della nostalgia con cui si lasciano a dimenticare parti del proprio vissuto più lontano propone una sorta di riavvolgimento collettivo di una stagione breve ma intensa.

“La mia generazione – scrive – diventa adulta in poche settimane tra l’inverno e la primavera del 1980” e continua: “Sono finiti gli anni Settanta, scemano le ideologie, si affermano nuove forme di individualismo urbano, l’Emilia comunista ha smesso di guardare ai soviet e scopre altre frontiere: il West, la beat generation, la moda, l’edonismo”. Così l’idea che Tondelli torni a essere motivo per parlare non solo di ciò che può essere letto e interpretato a posteriori attraverso le sue pagine, né della figura che gli anni – giocoforza – e le celebrazioni – infine, dovute – possano e vogliano contribuire a costruire nell’immaginario collettivo, ma sia racconto di qualcosa che è stato in prima persona vissuto da chi lo ha conosciuto riproponendosi nella incerta ma profonda bellezza della sua contemporaneità.

Nella mattinata di sabato 27 (l’inizio è alle ore 11), oltre all’anteprima del docufilm, la proiezione di un’intervista a Freak Antoni, poco prima della sua morte, dello stesso curatore dell’iniziativa. Affiorano temi pregnanti, sulla morte ma più ancora sul senso della vita e di una ricerca di senso. Il tono punk, di scandalosa rottura con il sistema, che fatica a trovar collocamento nelle intenzioni istituzionali di accogliere un messaggio scomodo come lo è stato quello tondelliano, sfuma nella dolcezza della condivisione di un tentato ritrovamento di risposte a cui non sempre la vita sembra dare il tempo necessario perché si conseguano. Forse anche e solo per questo, prima ancora che un tributo allo scrittore, certo non per avvallare un sentimento di partecipazione, ma per continuare quei discorsi che per alcuni hanno trovato poco tempo e nessuna possibilità di essere guardati dalla distanza degli anni trascorsi, una data come un trentennale può servire: per ritrovarsi, all’Hotel Posta, con Tondelli.

…………………………………………………………………………………
Sabato 27 novembre, ore 11, Hotel Posta, Reggio Emilia
“Ciao, libertini! Gli anni Ottanta secondo Pier Vittorio Tondelli”
A cura di Nicola Fangareggi
La partecipazione è gratuita, consentita con Green Pass e mascherina; i posti sono limitati (per iscriversi, mandare una mail a redazione@24emilia.com



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu