Carburanti, taglio accise fino al 5 ottobre

benzina_e

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, e il Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, hanno firmato il Decreto Interministeriale che proroga fino al 5 ottobre le misure attualmente in vigore per ridurre il prezzo finale dei carburanti. Si estende così fino a tale data il taglio di 30 centesimi al litro per benzina, diesel, gpl e metano per autotrazione. Lo rende noto il MiTE con un comunicato.

L’inflazione galoppa. Secondo le stime preliminari dell’Istat, ad agosto l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,8% su base mensile e dell’8,4% su base annua (da +7,9% del mese precedente).

“Sono l’energia elettrica e il gas mercato libero che producono l’accelerazione dei prezzi dei beni energetici non regolamentati (in parte mitigata dal rallentamento di quelli dei carburanti) e che, con gli alimentari lavorati e i beni durevoli, spingono l’inflazione a un livello che non si registrava da dicembre 1985 (quando fu +8,8%)”, spiega l’Istat.

Accelerano anche, prosegue l’Istat, l’inflazione di fondo, ovvero al netto degli energetici e degli alimentari freschi (da +4,1% a +4,4% ad agosto, non era così da maggio 1996 quando fu +4,7%) e l’inflazione al netto dei soli beni energetici (da +4,7% a +4,9%, non era così da aprile 1996).

Consumatori: stangata sulle famiglie. L’inflazione all’8,4% ad agosto si traduce in una nuova “stangata” per le famiglie “alle prese con abnormi rincari di prezzi e tariffe”. Lo afferma il Codacons che considerando la totalità dei consumi, calcola “una maggiore spesa pari a +2.580 euro annui per la famiglia ‘tipo’, che raggiunge i +3.352 euro annui per un nucleo con due figli”. “Siamo in presenza di una vera e propria emergenza nazionale che avrà effetti pesanti sull’economia e spingerà una fetta di popolazione verso la soglia di povertà – afferma il presidente Carlo Rienzi -. Il Governo non può più perdere tempo e deve intervenire con urgenza su alimentari, energia e carburanti, tagliando subito l’Iva sui generi alimentari, fissando un price cap a luce e gas e bloccando la risalita dei listini di benzina e gasolio”, conclude Rienzi.

Landini: ora servono misure. Con l’inflazione che, secondo le stime preliminari dell’Istat, “balza ad agosto all’8,4% su base annua, le chiacchiere non servono. Così non si regge. Il decreto aiuti bis mette risorse inadeguate per i lavoratori e i pensionati: c’è bisogno subito di un intervento urgente per tutelare salari e pensioni già impoveriti”. Lo afferma il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu