Al via Reggio Film Festival

the muir legacy

Dall’Afghanistan all’Australia, dagli Emirati Arabi all’Indonesia, dalla Mongolia al Sud Africa: provengono da settantacinque diversi Paesi i cortometraggi che, nel corso di una storia quasi ventennale, il Reggio Film Festival ha visionato e selezionato. Il programma della XVIII edizione avrà luogo a Reggio Emilia dal 5 al 18 novembre.

“È grazie a iniziative come il Reggio Film Festival – ha dichiarato l’assessore alla cultura Annalisa Rabitti nel corso della conferenza stampa di presentazione svoltasi questa mattina nella Sala Rossa della sede municipale – che il programma culturale di Reggio Emilia e la città tutta si possono aprire all’esterno. In questo caso addirittura a un panorama internazionale, dato che verranno proiettati cortometraggi provenienti da decine di Paesi dell’Europa e del mondo. Questa diciottesima edizione non si limita a confermare come la longevità di un’iniziativa sia spesso la dimostrazione della sua qualità, ma, con le numerosi sedi in cui è dislocato il Festival, dimostra anche l’efficacia della sinergia tra pubblico e privato, con la partecipazione collettiva del territorio all’evento. La nostra visione non è quella di una cultura che fornisca risposte granitiche e indiscutibili, bensì di un mezzo di formazione per la cittadinanza in generale e per i più piccoli nello specifico, che li aiuti a porsi nuove domande, a mettersi in discussione. Il Reggio Film Festival, con la sua pluralità di linguaggi mediatici e di voci dal mondo, non può che esserne una delle migliori dimostrazioni di ciò, e di come Reggio Emilia sia anche la città del cinema disponendo anche del Cinema Rosebud, sala comunale attiva da 35 anni”.

Reggio Film Festival, che ha ottenuto il patrocinio del Consiglio d’Europa per la lunghissima attività di «sensibilizzazione del pubblico e promozione della diversità culturale», è il risultato di un intenso, ininterrotto ascolto delle pulsioni e dei bisogni della società: è per questo preciso motivo che l’ideatore e direttore artistico Alessandro Scillitani ha deciso, assieme allo staff di circa trenta persone da lui coordinato, di dedicare l’edizione in arrivo ai pressanti temi della tutela ambientale. Terra è infatti il titolo individuato per l’edizione numero 18 del Festival.


“In un’epoca in cui gran parte del dibattito politico sembra concentrarsi sulla difesa dei confini e sulle paure – riflette Alessandro Scillitani – pochissima attenzione viene posta al tema dei cambiamenti climatici. Abbiamo quindi immaginato di dare spazio a riflessioni sul mondo, sull’ambiente e sulle trasformazioni in atto. Pensiamo infatti che sia fondamentale offrire alla città l’opportunità di aprire uno spaccato sul tema, quello della Terra, e sulle migliori produzioni cinematografiche e artistiche in generale. Reggio Film Festival è veramente il festival della città e sono tantissime le collaborazioni che abbiamo attivato anche quest’anno per la sua realizzazione. La formazione è sicuramente un aspetto importante a cui abbiamo dedicato una particolare attenzione con la proposta di workshop e corsi”.

Il programma dell’edizione 2019 è più che mai vario, tocca luoghi diversi della città (il cinema Cristallo e il cinema Rosebud, la libreria Punto Einaudi, SD factory – laboratorio creativo, la Fonderia, l’auditorium Credem, la sala degli specchi – teatro Valli, il teatro San Prospero, il centro internazionale Loris Malaguzzi e Max&co) ed è pensato per incontrare pubblici con aspettative, curiosità e bisogni culturali diversi.

Martedì 5 novembre al cinema Cristallo, alle 20.45, apre la prima assoluta del documentario Lampedusa Artica (Italia, 2019, 73’) di Giacomo De Stefano e Alessandro Scillitani. Giacomo De Stefano, attivista, esploratore di nuovi modi per vivere, parte per un lungo viaggio verso Nordkapp, attraverso le ultime grandi terre selvagge d’Europa, alla ricerca di modelli di vita sostenibili. Ma scopre che altri hanno viaggiato come lui verso il grande Nord.

Una perfetta sintesi tra Storia del Cinema e urgenze ambientali è rappresentata da Blade Runner di Ridley Scott, capolavoro del 1982 ambientato in una Los Angeles distopica dell’anno 2019. A partire da questa “coincidenza” è stato organizzato un incontro internazionale tra studiosi, esperti di cinema e di ecologia per interrogare il pubblico su come la Settima Arte possa concretamente contribuire alla salvaguardia del Pianeta (domenica 10 novembre). Verrà inoltre presentato il nuovissimo, spettacolare docufilm canadese Antropocene – L’epoca umana di Jennifer Baichwal, Edward Burtynsky e Nicholas de Pencier (giovedì 14 novembre). In collaborazione con la Libreria Punto Einaudi – Strand saranno proposti una serie di incontri con l’autore tra cui Ivano Marescotti, che presenterà (venerdì 15 novembre) il suo recentissimo libro Fatti veri. Racconti autobiografici e Paolo Rumiz, con Cronache di un viaggiatore impenitente (lunedì 11 novembre). Non mancheranno l’arte coreutica, con la Festa della Danza e del Cinema (domenica 17 novembre) organizzata da Fondazione Nazionale della danza – Aterballetto, il teatro, con il debutto assoluto di Saluti dalla Terra (sabato 16 novembre) del Teatro dell’Orsa e la musica, con l’atteso concerto-spettacolo (domenica 17 novembre) a tema ambientale del musicista e cantautore Massimo Zamboni (ex CCCP e C.S.I.). Ma il cuore del Festival rimane il cinema, con cortometraggi, ancora una volta provenienti da ogni parte del Pianeta, che verranno proiettati in diversi spazi della città. Come sottolinea Scillitani: “Per l’edizione 2019 abbiamo ricevuto da tutto il mondo 1.700 opere da selezionare: sommate a quelle degli anni precedenti fanno un totale di 16.200 cortometraggi visionati nella quasi ventennale storia del Reggio Film Festival, durante la quale abbiamo programmato ben 1.650 corti”.

Anche quest’anno, tra le proiezioni dei cortometraggi, sarà presente la sezione speciale Città Mondo, riservata a quelli dedicati al dialogo interculturale e, d’intesa con l’Associazione Iniziativa Laica, verrà riproposta la sezione speciale Laicità. Torneranno, come ogni anno, la sezione Family per i corti dedicati a bambini e famiglie e la sezione Spazio Libero, per esprimere al meglio la propria creatività.
Continuerà l’attività di workshop, tra cui quello ormai consueto condotto dal regista bosniaco Ado Hasanovic e quello sulla direzione della fotografia nell’era del digitale, per avvicinare questo mondo dalle più diverse prospettive, tecniche e poetiche. In programma infine, numerosi forum, approfondimenti e incontri, anche con i ragazzi dei Fridays for Future di Reggio Emilia.
Da una giuria di esperti (lunedì 18 novembre) sarà assegnato il Premio al Miglior Cortometraggio. Sono previsti altri riconoscimenti, e non mancherà il consueto Premio Giuria Popolare, che permetterà al pubblico in sala di votare il corto migliore.

L’ingresso a quasi tutte le iniziative è gratuito.

Reggio Film Festival è diretto da Alessandro Scillitani e organizzato da Cine Club Reggio – FEDIC con il contributo di Regione Emilia Romagna e Comune di Reggio Emilia.
In collaborazione con Ufficio Cinema Comune di Reggio Emilia (Assessorato a Cultura, Marketing territoriale e Pari opportunità, Assessorato a Educazione, Conoscenza, Città universitaria e Sport, Assessorato alle Politiche per la Sostenibilità), Fondazione I Teatri, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Fondazione Nazionale della Danza – Aterballetto, Nuovo Teatro San Prospero di Reggio Emilia, Teatro dell’Orsa, Libreria Punto Einaudi di Reggio Emilia, Associazione Iniziativa Laica di Reggio Emilia, Liceo Artistico “G. Chierici” di Reggio Emilia. Sponsor: Emil Banca, Grissin Bon, Blueshape, RCF, Energee3.

PROGRAMMA

Martedì 5 novembre – ANTEPRIMA
CINEMA CRISTALLO
ore 20.45
LAMPEDUSA ARTICA (Italia, 2019, 73’)
di Giacomo De Stefano e Alessandro Scillitani
prima assoluta (ingresso 7 €)
Giacomo De Stefano parte per un lungo viaggio verso Nordkapp, attraverso le ultime grandi terre selvagge d’Europa, alla ricerca di modelli di vita sostenibili. Ma scopre che altri hanno viaggiato come lui verso il grande Nord. Una rotta artica della disperazione.
Giacomo De Stefano: Attivista, esploratore di nuovi modi per vivere con attenzione. Si occupa da 20 anni di viaggiare lento, economie sostenibili e sopratutto di acqua, dolce, salata, salmastra e ghiacciata.
Ha viaggiato a piedi, bicicletta e navigato per i mari del mondo, sul Po andata e ritorno, e sempre senza motore, da Londra ad Istanbul a remi nel 2010 su una piccola barca in legno autocostruita, sciato da Oslo a Capo Nord in totale autosufficienza, vive in Norvegia, 400 km a Nord del circolo polare artico su una piccola isola del quale è il solo abitante, e, a volte, su una vecchia barca di legno.

Venerdì 8 novembre – INAUGURAZIONE
LIBRERIA PUNTO EINAUDI
ore 18
ALLA RICERCA DI PIANETI AZZURRI
Il cinema di Franco Piavoli
Franco Piavoli dialoga con Tullio Masoni
Franco Piavoli è nato a Pozzolengo (Brescia-Italia) nel 1933. Il suo film Il pianeta azzurro ha vinto il Premio UNESCO al 50° Festival di Venezia. Tra le sue opere, Nostos il ritorno, Voci nel tempo, L’orto di Flora. Nel 2016 il Festival Cinema du Réel di Parigi gli ha dedicato una retrospettiva integrale al Centre Pompidou.

ore 19
inaugurazione di
CAN MOVIES SAVE THE WORLD?
Mostra di copertine di Little White Lies, rivista di cinema indipendente caso editoriale in Inghilterra. Intervengono Marco Zanichelli (curatore della mostra, Reggio Film Festival), Gabriele Fantuzzi (Scuola Internazionale di Comics – RE) e i fondatori di Radici Poster Zine.
Nel corso della serata, DJ set con aperitivo a cura di DJ Nicholas.

SD FACTORY
ore 21
LIBERAZIONI CREATIVE – DONNE LIBERE DA OGNI FORMA DI VIOLENZA
Presentazione e proiezione dei corti selezionati per il concorso Liberazioni Creative – donne libere da ogni forma di violenza.
Interviene Raffaella Curioni Assessora a Educazione e Conoscenza.

Sabato 9 novembre
LIBRERIA PUNTO EINAUDI
ore 14.30
CASTING!
Aperto a tutti per partecipare alla realizzazione del cortometraggio diretto da Ado Hasanovic.

CINEMA ROSEBUD
ore 15
ATLANTE STORICO DEL CINEMA – FILM, GEOGRAFIE, CULTURE, MONDI
Corso di cinema a cura di Roberto Manassero (ingresso 10 € – rid. 8 €).
Raccontare il cinema per raccontare il mondo, i suoi spazi, le sue culture, le sue storie. Dal passato al presente, dall’America all’Europa, da quello che un tempo chiamavamo il Terzo mondo alle cinematografie asiatiche, un percorso attraverso le cinematografie nazionali per costruire con le immagini un’ipotetica e ideale cartografia terrestre.

TEATRO SAN PROSPERO
ore 15
I CORTI DEL CHIERICI
Una selezione degli esercizi didattici realizzati dagli studenti del corso di Audiovisivo e Multimediale del Liceo Artistico “G.Chierici” e dei lavori realizzati durante i percorsi di Alternanza Scuola Lavoro dell’anno accademico 2018/2019.

ore 16
CORTI EMILIANI
Proiezioni e incontro con gli autori

ore 18.30
MAURO SIMONAZZI, DA REGGIO EMILIA ALLA CINA E RITORNO
La storia di Mauro Simonazzi, attore e modello internazionale, è più unica che rara. Nato a Guastalla, in provincia di Reggio Emilia, vive tra Milano, Pechino e Hangzhou e ha posato per diversi brand della moda italiana, cinese e straniera. Tutto questo prima di essere notato da un talent scout del cinema d’Oriente, che lo sottopone a un provino a sua insaputa. Viene scritturato in un ruolo da cattivo per un film di produzione cinese / americana, primo di una lunga serie che lo vedrà recitare da protagonista. Qualche titolo? Old Boy (2013), The Soul of Tibetan (2017) e Team Swat (2018). Un percorso così ricco di esperienze che a dirlo non ci si crede.
A intervistare Mauro Simonazzi sarà la giornalista Lara Maria Ferrari.

ore 21
SELEZIONE INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI

nel corso della serata
INCURSIONI ECOLOGICHE
Interventi degli allievi attori del Nuovo Teatro San Prospero

domenica 10 novembre
TEATRO SAN PROSPERO
REGGIO FILM FAMILY
ore 10.15
Corti internazionali per bambini e adulti – età consigliata: dai 3 anni
ore 11.30
Corti internazionali per bambini e adulti – età consigliata: dai 7 anni

ore 16
I TEMPI STANNO PER CAMBIARE?
Telecamere meteo e variazioni climatiche
Incontro con Paolo Cristofanelli (CNR) e Andrea Bertolini (metereologo, direttore di Reggio Emilia Meteo).

ore 17.30
TERRA CHIAMA ORIONE
OMAGGIO A BLADE RUNNER E ALLE PIOGGE ACIDE
Los Angeles, novembre 2019. Il pianeta Terra, a causa dell’inquinamento e del sovraffollamento, è diventato invivibile.
Reggio Emilia, novembre 2019. Una tavola rotonda in cui si parlerà di lacrime nella pioggia e di visioni distopiche. Ricordando Rutger Hauer.
Con Maico Morellini (scrittore, Premio Urania 2010), Domenico Gallo (scrittore, traduttore di Philip Dick), Roberto Orosei (Ricercatore, Istituto Nazionale di Astrofisica).

ore 19.00
COME STA L’EUROPA
RAPPORTO INTIMO DI DUE CAMMINATORI
Lontani dalle logiche turistiche, due camminatori nell’ultimo anno hanno attraversato l’Europa usando esclusivamente i loro piedi. Si tratta di Riccardo Carnovalini, fotografo italiano e padre dell’idea del movimento lento e Anna Rastello che hanno percorso 11.000 km in 365 giorni.

ore 21
SELEZIONE INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI

CINEMA ROSEBUD
ore 21
LA FAMOSA INVASIONE DEGLI ORSI IN SICILIA (Italia, 2019, 82’)
di Lorenzo Mattotti (ingresso 7 €)
Lorenzo Mattotti sarà presente e dialogherà con Federico Amico
La famosa invasione degli orsi in Sicilia è un film d’animazione di produzione franco-italiana diretto da Lorenzo Mattotti e basato sull’omonimo romanzo di Dino Buzzati. Dopo una lavorazione durata oltre sei anni, il film è stato presentato al Festival del cinema di Cannes 2019 nella sezione Un Certain Regard.
Lorenzo Mattotti è fumettista, pittore e illustratore, e gli sono state dedicate numerose mostre in tutto il mondo. I suoi libri sono tradotti in molti Paesi e pubblica su quotidiani e riviste come The New Yorker e Le Monde. Questo è il suo primo lungometraggio.

Lunedì 11 novembre
CINEMA ROSEBUD
ore 21
INCONTRI
Paolo Rumiz. Cronache di un viaggiatore impenitente.
Interviene Carlotta Bonvicini, Assessora alle Politiche per la Sostenibilità

a seguire
SELEZIONE INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI

Martedì 12 novembre
LIBRERIA PUNTO EINAUDI
ore 18
DIZIONARIO DEI FILM BRUTTI A FUMETTI (Edizioni Shockdom, 2019)
Davide La Rosa presenta il suo libro. Modera Nicola Guarino
Non è bello ciò che è bello, figuriamoci i film brutti. Un libro che lancia il lettore in un abisso fatto di film senza trama, attori incapaci e registi che credono troppo in loro stessi. Prefazione dei fratelli Lumière.

AUDITORIUM CREDEM
ore 19.30
NUOVI SGUARDI, NUOVI VIRTUOSISMI
Selezione di corti internazionali dedicati al mondo della disabilità.
All’interno di ‘Danza e Fragilità’, progetto della Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto sostenuto da Gruppo Credem, in collaborazione e con il sostegno di Reggio Emilia Città senza Barriere e Consorzio Oscar Romero.

TEATRO SAN PROSPERO
ore 21
SELEZIONE INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI

Mercoledì 13 novembre
LIBRERIA PUNTO EINAUDI
ore 18
ALLA RICERCA DELLA SALA. IL GIRO DEI CINEMA (Edizioni del Mosaico, 2018)
Nicola Curtoni presenta il suo libro. Modera Sandra Campanini.
Con una passione in comune, due giovani cinefili, Nicola Curtoni ed Emilia Desantis, partono per un’avventura mai realizzata: esplorare la ricchezza delle sale indipendenti italiane all’epoca della rivoluzione digitale dentro e fuori dalla sala. 5.400 km, 48 cinema, 38 città in 17 regioni.

CINEMA ROSEBUD
ore 21
IL PITTORE DEL MONDO (Italia, 2019, 20’)
di Alessandro Scillitani – prima assoluta
Maurizio Benvenuti è un geografo e cartografo. Un suo parente, Baruzzi, lo ha coinvolto in un’idea pazzesca: realizzare un gigantesco Globo Terrestre.
Intervengono Maurizio Benvenuti e Alessandro Scillitani.

a seguire
SELEZIONE INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI

Giovedì 14 novembre
LIBRERIA PUNTO EINAUDI
ore 18
IL MESTIERE CHE NON SI VEDE
Il product placement nel cinema raccontato da Silla Simonini
Dai fratelli Lumière a ET non esiste film senza pubblicità.
Il product placement è la capacità di inserire in modo armonico un prodotto nella narrazione del film, al fine di ottenere i denari per farlo.
Silla Simonini è libera professionista nell’ambito del marketing cultura spettacolo. Ha iniziato la sua attività con la Fondazione Teatri di Reggio Emilia, successivamente al Teatro Eliseo di Roma, per 15 anni responsabile fundraising del concerto del 1 maggio in piazza San Giovanni a Roma, dal 2007 si occupa di placement cinematografico e festival.

CINEMA ROSEBUD
ore 21
ANTROPOCENE – L’EPOCA UMANA (Canada, 2018, 87’)
(ingresso 7 €)
intervengono Sandra Campanini, Michele Zanlari, Fondazione MAST
Antropocene è l’attuale Epoca geologica, proposta dai membri dell’Anthropocene Working Group, definita temporalmente a partire dalla metà del XX secolo, nella quale la specie umana è la causa primaria di un cambiamento permanente del pianeta.
Il film indaga l’indelebile impronta umana sulla Terra attraverso immagini di grande impatto visivo che documentano i cambiamenti determinati dall’attività umana sul pianeta e ne testimoniano gli effetti sui processi naturali.

Venerdì 15 novembre
LIBRERIA PUNTO EINAUDI
ore 18
FATTI VERI (Whitefly Press, 2019)
Ivano Marescotti presenta i suoi racconti autobiografici.
Fatti veri è una raccolta di racconti autobiografici dal sapore delle storie di una volta. Quelle narrate e tramandate nelle sere d’inverno davanti al camino. Il viaggio nel passato, che vede come indiscussi protagonisti la terra d’origine (la Bassa Romagna), i suoi abitanti e il suo dialetto, si apre con la nascita dell’autore e si chiude con la morte prematura del figlio. Una saga romagnola che affonda le radici nella cultura dei padri, ma che comunica nella lingua universale dell’arte e della creazione.

MAX&Co.
ore 19
PROIEZIONE SPECIALE DI UNA SELEZIONE DI CORTI DELL’EDIZIONE 2019
(Ingresso libero su prenotazione in store)

TEATRO SAN PROSPERO
ore 21
FUTURES IN FRIDAYS?
Incontro con Luca Lombroso, Marco Cervino e i ragazzi dei Fridays for Future – Reggio Emilia.
Nel corso dell’incontro verranno mostrate immagini dai Fridays for Future e il corto Non chiediamo la luna realizzato dalla scuola media Pertini 1 di Reggio Emilia, che racconta di centotrentadue studenti che si sono organizzati autonomamente, classe per classe, per protestare contro il cambiamento climatico.

a seguire
SELEZIONE INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI

Sabato 16 novembre
LIBRERIA PUNTO EINAUDI
ore 17.30
PALESTINA, IRONIA E RESISTENZA
Il meglio dal Nazra Palestine Short Film Festival
Nazra Palestine Short Film Festival è lo sguardo che ognuno di noi ha della Palestina. Lo scambio di questi sguardi cinematografici, diventa un percorso itinerante e diffuso, aperto ad ogni collaborazione esterna che rispetti lo spirito e la visione del Festival. Nazra accoglie cortometraggi girati sulle tematiche coerenti con la proposta del bando, e provenienti da ogni angolo del mondo, con l’obiettivo di offrire una visione ampia e diversificata sulle realtà socio-politiche e culturali palestinesi.
In questa prima occasione di incontro della città di Reggio Emilia con il cinema della e sulla Palestina, si mette in mostra la vitalità del popolo palestinese. Nel corso della serata sarà possibile confrontarsi e discutere con un rappresentante del Nazra Palestine Short Film Festival.

SALA DEGLI SPECCHI DEL TEATRO VALLI
ore 18
COSE CHE NON SI ASSOMIGLIANO NEANCHE
di Piergiorgio Casotti, narrato da Vasco Brondi
Un film sul Festival Aperto
voce di apertura Antonio Rezza
con la partecipazione straordinaria di Angelo Martini, Luciano del Rio
produzione Reggio Parma Festival, coproduzione Fondazione I Teatri Reggio Emilia / Festival Aperto con il sostegno di Mibac, in collaborazione con Comune di Reggio Emilia
Una persona (interpretata da Vasco Brondi) segue per la prima volta il Festival Aperto. Si imbatte in aneddoti e vecchie storie. Nascono domande, a volte senza risposta. Quanti passaggi! Dal ventre profondo dei tre teatri del Festival alla città trasfigurata…

TEATRO SAN PROSPERO
ore 21
SALUTI DALLA TERRA
Teatro dell’Orsa
di e con Monica Morini e Bernardino Bonzani
musiche Gaetano Nenna e Antonella Talamonti
video Alessandro Scillitani
ricerca Annamaria Gozzi
in collaborazione con Fridays For Future Reggio Emilia
(ingresso 10 €)
Questa casa è in fiamme? O siamo noi a cuocerci lentamente, come rane ignare, nella pentola che abbiamo acceso? Cosa sappiamo e non vogliamo credere? Di cosa ci preoccupiamo davvero? Dal ghiaccio per gli spritz, alla plastica galleggiante dentro le nostre vite fino ai ci pensiamo domani.
Il rischio, parlando di emergenza clima, è di fermarsi ancor prima di iniziare. Di non agire. Forse, come il Barone di Münchhausen, ci salveremo dalle sabbie mobili tirandoci fuori per i capelli.
Greta e milioni di giovani si muovono e chiedono un cambiamento radicale nel nostro stile di vita. La Terra non ci appartiene, siamo noi che apparteniamo alla Terra.

a seguire
SELEZIONE INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI

Domenica 17 novembre
FONDERIA_SEDE DELLA FONDAZIONE NAZIONALE DELLA DANZA/
ATERBALLETTO
FESTA DELLA DANZA – 3^ EDIZIONE
Un’intera giornata con la Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto tra performance, videodanza e i migliori prodotti del territorio.
Saranno presentati i corti doc sulla Fondazione realizzati da Bettina Zironi, Lorenzo Paglia, Francesco Bassoli, Giulia Cacciavellani, Marco Magnani, Giorgio Nizzoli, Elena Zanichelli (provenienti dal laboratorio Videolab)

TEATRO SAN PROSPERO
REGGIO FILM FAMILY
ore 10.15
Corti internazionali per bambini e adulti – età consigliata: dai 3 anni
ore 11.30
Corti internazionali per bambini e adulti – età consigliata: dai 7 anni

ore 16
GLOBAL W (Italia, 2019, 15’)
Presentazione del corto di Matteo Macaluso con i ragazzi della scuola media Balletti. Musiche di Saverio Settembrini
A causa dei cambiamenti climatici il mondo che conosciamo non esiste più.

ore 18
BENDITO MACHINE
Jossie Malis presenta in forma integrale la sua opera
Il pluripremiato progetto di animazione in sei parti, che racconta di creature alla dipendenza delle macchine, viene proposto in forma integrale alla presenza del creatore, Jossie Malis.

CENTRO INTERNAZIONALE LORIS MALAGUZZI
ore 16 – replica ore 17.30
REGGIO FILM FAMILY
Corti internazionali per bambini e adulti

TEATRO SAN PROSPERO
ore 21
MASSIMO ZAMBONI – ANIME GALLEGGIANTI
Due musicisti, una zattera e un canale che collega Mantova al Delta del Po, attraversando i campi della pianura padana. Massimo Zamboni mette in scena il racconto acustico del viaggio compiuto assieme a Vasco Brondi/Le luci della centrale elettrica sulle acque magiche e surreali del Tartaro, uno dei tanti canali che solcano la pianura nella zona del Polesine.
L’atmosfera di quell’esperienza, raccontata a quattro mani nel libro Anime Galleggianti (La nave di Teseo editore, 2016), si trasforma così in un sogno avventuroso, un camminamento celestiale.
E mentre la chitarra, le parole, le musiche di Zamboni accompagnano le immagini del viaggio, girate da Piergiorgio Casotti, si avvertono le presenze silenziose di coloro che di quegli stessi luoghi hanno saputo raccontare la malinconica e terrestre bellezza: Zavattini, Ghirri, Celati, Bassani, Olmi.

a seguire

SELEZIONE INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI

lunedì 18 novembre
CINEMA ROSEBUD
ore 21
Proiezione degli esiti dei workshop del Reggio Film Festival
PROIEZIONE E PREMIAZIONE DEI CORTI VINCITORI
GRANDE FESTA FINALE PER I 18 ANNI DEL REGGIO FILM FESTIVAL
Interviene Annalisa Rabitti Assessora a Cultura, Marketing territoriale e Pari opportunità.

Info e programma dettagliato: www.reggiofilmfestival.it



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu