Modena, va in scena “Lo Schiaccianoci” del Balletto di Kiev

schiaccia1

Va in scena giovedì 19 dicembre 2019 alle 20.30 al Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena Lo Schiaccianoci, celebre balletto russo di ambientazione natalizia con la coreografia di Marius Petipa sulla partitura di Pëtr Il’ič Čajkovskij. Lo spettacolo si vedrà in una produzione del Teatro Accademico Municipale dell’Opera e Balletto di Kiev. Le scenografie sono firmate da Vyacheslav Okunev, artista che ha firmato oltre trecento produzioni nei maggiori teatri fra i quali il New York City Ballet, La Scala di Milano e il Mariinsky di San Pietroburgo. Tratto da Lo schiaccianoci e il re dei Topi di E. T. A. Hoffmann, maestro della letteratura romantica, il capolavoro di Čajkovskij è uno dei balletti più affascinanti della storia della danza classica e il titolo più rappresentato durante il Natale.

Soggetto dell’opera sono infatti giocattoli e regali che, nel sogno di Clara, prendono vita sotto l’albero, fra crudeli battaglie e festosi divertissements. La piccola protagonista, prima si ritrova in un campo di battaglia fra un esercito di soldatini e una torma di topi, difesa dallo schiaccianoci trasformato in valente principe, poi in un bosco addobbato a festa. Sono le diverse stazioni di un viaggio in un mondo fantastico, proiettato da un creatore di balocchi: il misterioso Drosselmeyer, amico di famiglia e deus ex machina della vicenda, inventore di giocattoli meccanici, da lui animati con segreta sapienza. Un personaggio inquietante, eccentrico e amato dai bambini. Tra le note musicali e i passi di danza si adombra però, in controluce, il doloroso e traumatico atto del crescere; il difficoltoso abbandono del mondo dei giochi e delle sicurezze; il confronto con il mondo degli adulti e una sessualità che si affaccia alle soglie dell’inconscio, in un fitto rimando di segnali; il superamento di quella linea d’ombra che segna il passaggio verso le tortuosità dell’adolescenza. Lo Schiaccianoci, con le sue mini-battaglie, la violenza e l’orrore di oscure presenze, è anche dedicato alla tragedia dell’infanzia, all’abbandono dell’età d’oro dell’innocenza.

Il Corpo di Ballo del Teatro municipale dell’Opera e del Balletto di Kiev è fra le compagnie più rinomate dell’Ucraina. Dal 2010 è diretto da Tatiana Borovik che si propone innanzitutto d’immortalare i gioielli del patrimonio mondiale della danza, realizzando nuovi spettacoli sul modello classico e valorizzando temi nazionali e folclorici, anche con moderne coreografie. Il repertorio della compagnia conta più di trenta balletti quali Il Lago dei Cigni, La Bella Addormentata, Giselle, La Bayadère, Don Chisciotte, Chopiniana-Les Sylphides, Cenerentola, Romeo e Giulietta, Pierino e il Lupo, Francesca da Rimini e Boléro. Il corpo di ballo attualmente è costituito da più di 60 ballerini, laureati nelle prestigiose scuole coreografiche di Kiev, maestri di danza, ma anche debuttanti di talento che hanno partecipato ai più grandi concorsi internazionali ottenendo numerose medaglie e prestigiosi riconoscimenti. Le due étoiles saranno Denis Nedak e Olga Golitsa.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu