Modena omaggia Pavarotti a 13 anni scomparsa

pavarotti_art

Sarà la Messa da Requiem di Gaetano Donizetti sabato 5 settembre alle 21 al teatro Comunale di Modena ad aprire l’omaggio in memoria del grande artista modenese, il tenore Luciano Pavarotti nel 13esimo della scomparsa. La rappresentazione viene preceduta alle 18 da una prova generale aperta al pubblico. Mentre la sera successiva, anniversario della scomparsa, il concerto ‘Pavarotti & Friends – Jam Session 2020’ alla Casa Museo del grande tenore: sono i primi appuntamenti promossi nell’ambito del progetto Città del Belcanto, fra l’anniversario della scomparsa (6 settembre) e quello della nascita (12 ottobre) del maestro, che abbraccia i diversi aspetti della sua eredità musicale.

Il concerto di sabato raccoglie i frutti dell’eredità musicale che le scuole modenesi hanno trasmesso negli anni ai giovani cantanti, accompagnandoli spesso sulla ribalta internazionale, come la soprano Cristina Barbieri, vincitrice del 4/o Concorso internazionale Luciano Pavarotti International Voice Competition di Philadelphia. Nella jam session di domenica si esibiranno Arisa, Giovanni Caccamo e Lorenzo Licitra, oltre ad alcune giovani promesse del belcanto. Il 12 ottobre, per festeggiare il giorno della nascita, è previsto un ‘Concerto per Luciano’ dedicato ai giovani talenti, con i cantanti allievi dei corsi di alto perfezionamento del Comunale e dell’Istituto Vecchi-Tonelli, a fianco dell’Ensemble Orchestra giovanile della via Emilia. Inoltre, con una nuova produzione de ‘La Traviata’ di Verdi in scena al Comunale il 14, 16 e 18 ottobre, prosegue il progetto che propone le opere interpretate da Pavarotti in ordine di debutto: terzo titolo del programma, dopo ‘La Bohème’ e ‘Rigoletto’ della scorsa stagione, l’opera affida il ruolo tenorile che fu di Pavarotti a Matteo Lippi, allievo di Mirella Freni giunto alla ribalta internazionale.

“Durante il lockdown la voce di Luciano è risuonata nelle case e per le strade e ci ha dato speranza – commenta Nicoletta Mantovani, presidente della Fondazione Luciano Pavarotti -. Abbiamo ritenuto importante, nonostante i tempi stretti e le difficoltà contingenti, non rinunciare a celebrare il ricordo di Luciano anche quest’anno, come segno di una concreta ripartenza e di una ritrovata e più consapevole, seppur diversa, normalità”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu