Maura Manghi: “Onorata e fiera di rappresentare nel collegio di Reggio il polo liberaldemocratico di Renew Europe”

manghi

La presentazione delle liste della coalizione formata da Azione di Carlo Calenda e Italia Viva di Matteo Renzi per le elezioni del prossimo 25 settembre ha reso ufficiale l’inserimento della reggiana Maura Manghi, coordinatrice provinciale di Italia Viva Reggio Emilia, candidata nel collegio uninominale Emilia-Romagna U03 (Reggio nell’Emilia) e in quarta posizione nel collegio plurinominale Emilia-Romagna P01 per la Camera dei deputati (in questo caso il capolista è Matteo Richetti di Azione).

“Sono onorata e fiera di rappresentare nel collegio di Reggio il polo liberaldemocratico di Renew Europe”, ha commentato la diretta interessata: “Da anni sono impegnata nel percorso di costruzione di un nuovo polo e la lista unica tra Azione, Italia Viva e tante formazioni liberaldemocratiche rappresenta il primo passo verso la realizzazione della forza politica che affonda le sue radici nella parte del paese e dell’Europa più proiettata verso il futuro”.

“Il nostro programma non è il libro dei sogni, ma rappresenta proposte concrete e fattibili ai veri problemi del paese”, ha aggiunto Manghi: “Partendo da ambiente ed energia, con la proposta di un mix tra nucleare e rinnovabili, di un approccio moderno allo smaltimento dei rifiuti, con l’indipendenza energetica dalla Russia e, aggiungerei, con la ripresa di una messa in sicurezza del territorio che nella nostra zona non può prescindere dall’idea di un invaso. Per passare poi alla giustizia, con una serie di proposte che finalmente chiuderanno la pagina giustizialista dell’era Conte”.

“Questo per me non rappresenta un traguardo. Non è una medaglietta al merito. Continuerò a impegnarmi con entusiasmo per un grande e importante progetto politico. Ringrazio le donne e gli uomini di Azione e Italia Viva e tutti i reggiani che vorranno essere parte dell’unico, vero e concreto cambiamento per il futuro del nostro paese e per riportare l’Italia al vertice in Europa. #ItaliaSulSerio”.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu