L’arte attraverso l’argilla giapponese. Damiani inaugura: “Io sono come te a 17 anni”

IMG_2717
7.2

di Alice Varini

Una chiacchierata con Francesco Damiani che ci racconta l’arte attraverso l’argilla giapponese.

La mostra “Io sono come te a 17 anni” in Via Roma 49 a Reggio Emilia.

Via Roma 49, Reggio Emilia, in un sottoscala caratteristicamente underground ritrovo un artista dalla fragile corporatura contrastata dalla personalità unica degli artisti. Francesco Damiani, professore al liceo artistico, mi introduce a un materiale a me ancora sconosciuto: l’argilla giapponese. Materiale completamente bio degradabile perché composto soprattutto da cellulosa; curiosa sia al tatto (tipo pongo), alla vista (colori sgargianti che non ricordano il bio) e all’olfatto (completamente inodore). Sono proprio questi contrasti che caratterizzano l’arte di Damiani: laureato in chimica, l’artista della vita ci rivela una serie di ritratti su silicone che vivono su quella sottile striscia tra il contemporaneo e la tradizione.

I contrasti non si limitano al visivo: il silicone “super glamm” si confronta con la cornice e il suo contenitore in legno grezzo (parte anch’esso dell’opera) sono uniti in un abbraccio tra due lacci emostatici. La sensualità con la quale l’opera ti costringe ad aprirla è palpabile, così il richiamo al mondo della moda è quasi immediato. Il bello che si presta a contenitore di un materiale grezzo come il corpo umano, come il legno e come l’argilla.

Così partecipando al workshop da lui organizzato, mi rendo conto quanto un’operazione semplice ed elementare come una griglia possa fare da semplice contenitore a un piano concettuale che solo approcciando al materiale si può capire.

Dopo tre giornate di workshop, sabato 14 settembre è stata inaugurata la mostra “ Io sono come te a 17 anni” , in via Roma 49, in cui sono esposte sia le opere dell’artista che quelle realizzate dagli allievi in queste giornate, il tutto accompagnato con un’intervista “impossibile” dell’artista che dialoga con se stesso a 17 anni  e, solo per 24 Emilia, un video intervista  (che vi lasciamo a piè pagina). L’esposizione è visitabile venerdì 20 e 27 settembre e venerdì 4 ottobre dalle 18 alle 21, sabato 14, 21 e 28 settembre dalle 18 alle 21 sarà presente l’artista (sempre molto disponibile). Infine se non vi basta la mostra venerdì 20 settebre ore 21 sempre negli spazi di via Roma 49 ci sarà una chiacchierata informale con l’artista e Giorgio Teggi ( architetto).

Intervista di Alice Varini

Per info: cittadiniviaroma@gmail.com o sms/whatapp :3402268252

I nostri voti


Originalità
8
Opere
6.5
Materiale
7



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu