In Emilia-Romagna via libera all’adeguamento dei canoni per i lavori che attraversano le linee ferroviarie regionali

Ferrovie Emilia Romagna lavori binari

Il nuovo “Regolamento per la disciplina dei canoni dovuti alla Regione Emilia-Romagna per l’occupazione delle aree coinvolte dagli attraversamenti e dai parallelismi di linee ferroviarie di proprietà regionale, affidate in concessione al gestore dell’infrastruttura ferroviaria regionale”, lo strumento che disciplina i canoni per l’occupazione di linee ferroviarie per effettuare lavori, ha ottenuto il parere favorevole di conformità da parte della commissione regionale bilancio, affari generali e istituzionali.

Lo schema di regolamento, hanno spiegato i tecnici della Regione, intende uniformare i criteri e le tariffe per la concessione di lavori relativi a interferenze o attraversamenti di sottoservizi rispetto alla rete ferroviaria regionale: si tratta di opere relative a ponti, posa di cavi per la telefonia, tubature di fognature o acquedotti. In passato alla Regione venivano versati canoni per circa 260.000 euro all’anno, una cifra che con questo adeguamento sarà più che raddoppiata, salendo a circa 560mila euro.

L’assessore regionale alle infrastrutture e ai trasporti Andrea Corsini ha spiegato che “era necessario fare ordine in un regolamento disordinato e in una situazione cristallizzata da tempo. Negli anni precedenti lungo i 323 chilometri di ferrovie regionali c’erano diversi gestori e ognuno aveva una propria tariffa, che variava anche da tratta a tratta o nella stessa tratta. Con il nuovo regolamento, che vuole riordinare sotto una sola procedura la gestione degli attraversamenti attraverso convenzioni con Fer (Ferrovie Emilia-Romagna) per la gestione dei servizi e la corresponsione dei canoni, ci saranno circa trecentomila euro in più che saranno impiegati per la manutenzione, il miglioramento tecnologico e quello del servizio sulle linee”. L’assessore ha anche chiarito che le tariffe della Regione sono più basse di quelle di Rfi (Rete ferroviaria italiana).



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu