Green pass rafforzato e lockdown leggeri per i non vaccinati, pressing delle Regioni

green-pass-passaporto-digitale-2-2

Chiusure mirate, lockdown leggeri, e misure restrittive mettono di nuovo al centro l’utilizzo del Green Pass ‘rafforzato’, ovvero un lasciapassare solo per i vaccinati e per le attività ricreative operanti nelle regioni che cambieranno colore. Walter Ricciardi, consulente del ministro Speranza, propone di “irrigidire le misure per il rilascio del green pass” accendendo il confronto, necessario per delineare una linea comune, tra regioni e governo. Alla luce dell’aumento dei contagi Covid, alcuni governatori, in testa il presidente della regione Liguria Giovanni Toti, invocano il ricorso a un ‘doppio binario’, con misure più stringenti per i no vax e hanno chiesto un incontro urgente con il governo sulle regole in vigore e sul green pass. “Il governo è ovviamente disponibile a mettere in agenda a breve un tavolo di confronto”, ha detto il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini durante la conferenza Stato-Regioni. Della richiesta dei governatori sono stati informati sia il presidente del Consiglio Mario Draghi sia il ministro della Salute Roberto Speranza.

Per ora, sarebbero due le misure che il governo adotterà per contrastare l’aumento dei contagi – accelerando sulle vaccinazioni – in un Consiglio dei ministri che si terrà la prossima settimana: riduzione della durata del green pass, da 12 a 9 mesi, e obbligo a sottoporsi alla terza dose di vaccino anti-Covid per il personale sanitario. Oggi il tema, assicurano fonti di governo, non è stato trattato nel Cdm che ha adottato il decreto attuativo sull’assegno unico per i figli, ma la prossima settimana il dossier arriverà sul tavolo del Consiglio dei ministri. Non è ancora deciso se accompagnato da altre misure anti-Covid, come chiesto dal fronte dei governatori, con alcune regioni in pressing per un ‘doppio binario’ sui no vax.

Austria e Germania, travolte dalla quarta ondata di Covid-19, hanno già introdotto il cosiddetto sistema 2G: geimpft (vaccinati) e genesen (guariti). Ossia il green pass spetta solo a chi è vaccinato o guarito dal Covid e non a chi fa un tampone negativo. Un modo per incentivare le vaccinazioni e introdurre restrizioni – ancora tenui in giallo, ma pesanti in arancione – che non gravino su chi si è sottoposto all’immunizzazione. Resterebbe invariato il mondo del lavoro, con il certificato verde rilasciato a vaccinati, guariti e chi ha un tampone negativo. È la proposta cui cercano di aggregare consenso i governatori che si vedranno e porteranno la loro posizione all’attenzione del Governo alla Conferenza Stato-regioni convocata dal ministro Mariastella Gelmini. Un appoggio alla posizione dei presidenti è arrivato oggi al segretario del Pd Enrico Letta. Palazzo Chigi continua a frenare sull’ipotesi di stretta, forte di dati ancora rassicuranti su terapie intensive e ricoveri ordinari, anche se i contagi hanno superato quota diecimila portandosi ai livelli di maggio. In prima battuta l’esecutivo sembra studiare un provvedimento sull’obbligo della terza dose per sanitari e personale delle Rsa.



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu