Appennino reggiano. Vìola dopo poche ore il divieto di avvicinamento alla moglie: arrestato

carabinieri auto posto di blocco sera

Nel pomeriggio di lunedì 24 ottobre i carabinieri di Collagna hanno notificato a un uomo di 48 anni residente in un comune dell’Appennino reggiano di essere destinatario di un divieto di avvicinamento alla moglie, una donna di 40 anni che aveva denunciato di essere stata vittima alcuni giorni prima di maltrattamenti in famiglia.

Il provvedimento, emesso dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Reggio su richiesta della procura reggiana, prevedeva anche il contestuale allontanamento dell’uomo dalla casa familiare. Ma quest’ultimo, quando erano trascorse solo poche ore dalla comunicazione della misura cautelare, ha violato le disposizioni dell’autorità giudiziaria presentandosi a casa della moglie: si è accesa l’ennesima lite, al culmine della quale il quarantottenne ha rotto alcune suppellettili arrivando anche a lanciare un piatto contro uno dei figli minori della coppia, che stava assistendo al diverbio.

Subito dopo l’uomo si è impossessato delle chiavi dell’abitazione e si è allontanato a bordo della sua auto. La donna, seppur scossa per l’accaduto, ha allertato immediatamente i carabinieri: l’operatore del 112 ha diramato alle pattuglie in servizio una nota di ricerca del fuggitivo, che è stato rintracciato e fermato poco dopo in località Terminaccio a Castelnovo ne’ Monti dai militari delle stazioni di Collagna e Ligonchio. A quel punto, sussistendone i requisiti di legge, il 48enne è stato arrestato.

 



Non ci sono commenti

Partecipa anche tu