Reggio. Anniversario della strage di Marcinelle, da Giorgia Meloni una polemica irricevibile

filef_reggio

Scrive in una nota Filef Reggio Emilia (associazione di volontariato sociale): “Sabato scorso, con una cerimonia che si è tenuta nel Parco della Pace, Filef ha ricordato insieme ai sindacati e al Comune di Reggio Emilia i 262 lavoratori (132 emigrati italiani) morti l’8 agosto 1956 nella miniera di carbone Bois de Cazier, a Marcinelle (Belgio). Oltre che alle vittime di quella enorme tragedia, come ogni anno Filef ha reso omaggio a tutte le donne e a tutti gli uomini caduti sul lavoro, in Italia e all’estero.

Spiace molto constatare, da una lettera pubblicata oggi sul Corriere della Sera, che l’on. Giorgia Meloni, leader della coalizione di destra impegnata nella campagna elettorale, prende invece questo anniversario a pretesto per contrapporre gli emigrati italiani all’estero agli immigrati di origine straniera in Italia. Dei primi, secondo Meloni, dovremmo andare orgogliosi, mentre per i secondi “irregolari” dovremmo prendercela con “i governi di sinistra”, con “le Ong ideologizzate” e con “i professionisti dell’accoglienza”. Si tratta, purtroppo, di una polemica consueta da quelle parti politiche, ora rispolverata per evidenti scopi elettoralistici e resa particolarmente sgradevole e irricevibile dall’accostamento alla tragedia di Marcinelle. Della quale Meloni si impegna – nientemeno – “a preservare la memoria da una certa, interessata retorica di parte”. Da quale pulpito, viene da commentare.

Filef Reggio Emilia, al contrario, pensa e dice ad alta voce che il modo migliore di ricordare la strage di Marcinelle e tutti i caduti sul lavoro è impegnarsi per la difesa dei diritti troppo spesso calpestati – giusto salario, sicurezza, salute, dignità – dei migranti, delle lavoratrici e dei lavoratori. In Italia e in qualsiasi parte del mondo. Senza distinzione di nazionalità, colore, religione”.



C'è 1 Commento

Partecipa anche tu
  1. Antonio

    Da meloni un distinguo più che doveroso e giusto, visto che anche il presidente della repubblica (prossimo dimissionario anch’egli) si presta a basse e misere strumentalizzazioni partigiane.
    Brava Giorgia, falli neri a sti falliti!!!


Rispondi a Antonio Annulla risposta