Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Domenica 23.07.2017 ore 08.40
Sei qui: Home | Yara, confermato ergastolo Bossetti. Difesa: clamoroso errore. Parte civile: fatta giustizia
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Yara, confermato ergastolo Bossetti. Difesa: clamoroso errore. Parte civile: fatta giustizia


Si è trattato di una maratona lunga più di 15 ore, in camera di consiglio, per poi confermare anche nel secondo grado di giudizio la condanna più dura per Massimo Bossetti. Per i  giudici della Corte d'assise d'appello di Brescia è lui l'assassino di Yara Gambirasio. Nessuna perizia sul Dna e conferma della condanna all'ergastolo per il muratore di Mapello per l'omicidio della ragazzina di 13 anni uccisa 7 anni fa.

 

Per uno degli avvocati di Massimo Bossetti, Claudio Salvagni, "siamo di fronte a un clamoroso errore giudiziazio, oggi si e' assistito a una sconfitta del diritto". 
 Mentre Bossetti dopo la sentenza ha pianto, così come la moglie, Marita Comi e sua madre Ester Arzuffi. Al contrario, "giustizia è fatta!" ha commentato uno dei legali di parte civile, Enrico Pelillo, che ha informato i genitori della tredicenne. La famiglia Gambirasio, sobria come dall'inizio di questa tragica vicenda, si è limitata a ringraziarlo senza aggiungere altro.

 
La sua estrema difesa il muratore di Mapello, in carcere da tre anni, l'ha affidata a delle dichiarazioni spontanee scritte su fogli che ha estratto da una carpetta rossa e che ha usato per chiedere alla Corte di riparare "al piu' grande errore giudiziario di tutta la storia". "C'era necessita' di scomodare un immenso esercito e umiliarmi davanti ai miei figli e al mondo intero?" ha detto in modo accorato riferendosi al suo arresto, il 14 giugno del 2014 nel cantiere in cui lavorava a Dalmine. "Perche'? Perche'? Perche'?" ha ripetuto il muratore. E girandosi verso il pubblico in aula per poi tornare ai giudici ha aggiunto: "Io non sono un assassino, mettetevelo in testa. Quel Dna non e' mio". Lui voleva che fosse ripetuto l'esame genetico che lo inchioda. Aveva anche chiesto scusa per il comportamento scorretto in aula, quando, mentre parlava il sostituto pg Marco Martani, lui era sbottato: "Viene qui a dire idiozie". 


Ultimo aggiornamento: 18/07/17

Esprimi il tuo commento