Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Mercoledì 24.05.2017 ore 19.49
Sei qui: Home | Vaccini obbligatori: decreto e polemiche. L'ok del Cdm, ma i consumatori: è incostituzionale
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Vaccini obbligatori: decreto e polemiche. L'ok del Cdm, ma i consumatori: è incostituzionale


Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto, proposto dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che introduce l'obbligo di vaccinazioni per l'iscrizione a scuola.



I vaccini saranno obbligatori, pena la non iscrizione a scuola, nella fascia di età da 0 a 6 anni, ossia in nidi e asili. Altrettanto obbligatori saranno nelle scuole elementari, ma in questo caso sono previste sanzioni molto ingenti. E' passata dunque, dopo oltre due ore di discussione, la proposta della ministra Fedeli, mentre la titolare della Salute Beatrice Lorenzin chiedeva il divieto di iscrizione a scuola per i non vaccinati fino a 10 anni.

Per i consumatori viola la Costituzione. Il decreto sui vaccini approvato dal Consiglio dei Ministri è per il Codacons palesemente incostituzionale e, pertanto, verrà impugnato dall’associazione al fine di ottenerne l’annullamento presso la Consulta.
 
“La decisione del Governo, oltre a rappresentare un regalo alla lobby dei farmaci grazie all’estensione dei vaccini obbligatori, presenta diversi profili problematici – spiega il presidente Carlo Rienzi – La trasformazione delle vaccinazioni facoltative in obbligatorie costringerà a sottoporre i bambini ad una dose massiccia di vaccini, senza alcuna possibilità di una diagnostica prevaccinale, con conseguente incremento delle reazioni avverse che secondo l’Aifa solo nel 2013, per l’esavalente, sono state ben 1.343, di cui 141 gravi”.
 
“Ai rischi connessi ai trattamenti sanitari coattivi si aggiunge anche un pesante conflitto col diritto all’istruzione, oltre alla crescita abnorme dei costi per il Ssn derivante dalle decisioni del Governo – prosegue Rienzi – Resta poi l’impossibilità di ricorrere ai vaccini in forma singola e l’indisponibilità sul mercato dell’antidifterico se non abbinato ad altri vaccini.
 
Per tali motivi ricorreremo contro il decreto del Cdm per portarlo alla Corte Costituzionale e, se necessario, anche alle Corti di giustizia europee”.
 


Ultimo aggiornamento: 20/05/17

20/05/17 h. 14.19
sterminator dice:

per il codacons è incostituzionale??
ma hanno fumato crack? mi sembra sia il provvedimento migliore degli ultimi anni, anche in barba alle mode e alle tendenze deliranti diffuse dal web.
Il costo della mancanza di vaccinazione rischia di diventare molto elevato, e per ora parliamo solo di costi. Quando ci saranno i primi morti lo stesso codacons cambierà posizione alla velocità della luce, nella migliore tradizione italica.

Esprimi il tuo commento