Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 22.09.2017 ore 02.47
Sei qui: Home | San Polo, denunciata una 42enne stalker
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

San Polo, denunciata una 42enne stalker


Sarebbe stata la fine della storia d'amore a trasformarla in un incubo per il suo ex, portandola a macchiarsi di una serie vessazioni per le quali, al termine delle indagini, i carabinieri della stazione di San Polo d'Enza l'hanno denunciata alla procura reggiana, presso il sostituto Maria Valentina Salvi, che ha disposto nei confronti della stalker la misura cautelare del divieto di avvicinamento all'abitazione e a qualunque altro luogo frequentato dall'ex, vietandole, inoltre, di comunicare attraverso qualsiasi mezzo con l'uomo.

 
Il provvedimento di natura cautelare oggi, giovedì 16 febbraio, è stato eseguito dai carabinieri della stazione di San Polo d'Enza nella cui giurisdizione la donna risiede. Lei una 42enne, lui un 52enne, entrambi della Val d'Enza, sono i due protagonisti della vicenda. Dopo una relazione sentimentale di circa due anni lui ha deciso di lasciarla. Ma lei, non accettando la decisione, ha deciso di perseguitarlo: pedinamenti, irruzioni sul posto di lavoro, appostamenti sotto casa, scenate di gelosia in tutti i locali frequentati dalla vittima, persecuzioni a carico della madre e della sorella dell'uomo che vengono avvicinate dalla stalker che racconta e offende pesantemente il rispettivo figlio e fratello. L'elemento che fa scattare la decisione di denunciare la donna stalker nel settembre scorso: durante uno dei tanti inseguimenti la donna lo costringe a scendere dall'auto e lui la respinge. Lei continua imperterrita a scagliarsi contro di lui che per liberarsi e scappare la spinge facendola cadere a terra. La donna va quindi dai carabinieri di San Polo d'Enza e denuncia l'ex. 
 
L'uomo, a questo punto, si apre con i carabinieri raccontando quello che subisce da mesi: partono dettagliati accertamenti che i carabinieri di San Polo d'Enza conducono anche tramite ispezioni informatiche di telefoni e social, che consentono di acquisire la gravità indiziaria a carico della donna. 


Ultimo aggiornamento: 16/02/17

Esprimi il tuo commento