Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 22.09.2017 ore 02.54
Sei qui: Home | Reggio. Investe ciclista, si scusa e fugge
3 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Reggio. Investe ciclista, si scusa e fugge


L'impatto tra un'auto e un ciclista, il ragazzo in sella alla bici che rovina a terra e l'automobilista che tenta la fuga, dopo un maldestro tentativo di evitare le conseguenze giudiziarie dell'accaduto. L'incidente si è verificato alle 10.30 di ieri, venerdì 15 settembre, in via Terrachini, all'altezza di via Ruggeri, mentre entrambi i mezzi stavano procedendo verso il centro di Reggio Emilia.

 
Lo specchietto retrovisore laterale destro della Micra ha agganciato il manubrio della bici, provocando la caduta del ciclista, un ventenne residente in città.
L'uomo al volante, invece di verificare le condizioni del giovane, è sceso dall'auto solo per tentare di convincere il ferito a soprassedere. Poco prima di risalire sull'auto e partire a tutta velocità, l'uomo avrebbe detto al ciclista: "Scusami, scusami, ma sono senza patente". Alcuni tra i numerosi testimoni dell'accaduto, passanti che si erano fermati a soccorre il giovane, hanno registrato il numero di targa e lo hanno segnalato immediatamente alla Centrale operativa della Polizia municipale, vanificando il tentativo di fuga.
 
La Micra è stata infatti bloccata da una pattuglia di agenti in servizio per il controllo del centro storico in viale Dei Mille, a qualche centinaio di metri dall'incidente. L'automobilista, un cittadino nigeriano di 29 anni privo di documenti di riconoscimento, è stato accompagnato dagli agenti della Municipale al Comando di via Brigata Reggio per gli accertamenti di legge, al termine dei quali è stato denunciato per omissione di soccorso e sanzionato per guida senza patente. 


Ultimo aggiornamento: 16/09/17

18/09/17 h. 22.43
adolf dice:

In Germania sarebbe costretto a fare le inalazioni con lo Ziklon-B...

17/09/17 h. 10.34
Antitaliano dice:

Posto che i ciclisti andrebbero cinghiati a prescindere, ovviamente...

17/09/17 h. 10.34
Antitaliano dice:

Sicuramente il nostro amato fratello dalla pelle scura starà tremando al pensiero delle terribili conseguenze che lo attendono. Io vorrei sapere cosa accadrebbe se un fatto analogo avvenisse in Spagna, Francia o Germania.

Esprimi il tuo commento