Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Venerdì 22.09.2017 ore 02.57
Sei qui: Home | L'orchestra giovanile Archistorti di Reggio in tournée tra carcere e pediatria
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

L'orchestra giovanile Archistorti di Reggio in tournée tra carcere e pediatria


Venerdì 20 dicembre alle 17 nel reparto di pediatria dell’arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio l’orchestra giovanile Archistorti, composta da 32 tra bambine e bambini, eseguiranno la Suite di Bianco Vestita per orchestra e voce narrante (Franca Righi), un omaggio speciale dedicato e riservato ai bambini ricoverati nel reparto ospedaliero reggiano.



Sarà solo uno degli appuntamenti di questa orchestra, nata all’interno di un progetto tutto speciale, che il pubblico potrà vedere anche sabato 21 dicembre alla biblioteca Marco Gerra di Reggio dove, alle 10.30, verrà replicata la Suite per i bambini delle classi quarte della scuola elementare Don Milani, con narrazione a cura delle mamme dell'orchestra e ingresso aperto al pubblico.

Un altro importante appuntamento attende gli Archistorti lunedì 23 dicembre nella chiesa del reparto femminile del carcere di San Vittore a Milano: i bambini suoneranno accompagnando Dario Fo in una singolare performance per le detenute e i detenuti della struttura carceraria.
  

Il progetto degli Archistorti rientra all’interno del sistema di orchestre e cori giovanili e infantili d'Italia, all’interno del quale Reggio è uno dei nuclei di riferimento. Il progetto è nato in origine in Venezuela nel 1975 dal maestro Abreu per togliere i bambini dal mondo delle favelas, dalla droga e dalla prostituzione minorile, dando loro la possibilità di un riscatto sociale attraverso la musica.

Nel 2010 lo stesso progetto è stato proposto in Italia dal maestro Claudio Abbado, mantenendo le stesse finalità e le stesse modalità (prima fra tutte la gratuità completa per tutti i bambini), facendo sì che questo resti, anche in Italia, un progetto non solo culturale e artistico ma anche fortemente sociale ed educativo.



Nel febbraio 2011 sono nati 3 piccoli nuclei in progetti pomeridiani all’interno di tre scuole elementari della città. 
Ora l’orchestra è formata da 32 bambini e bambine (che ormai frequentano quasi tutti la prima media) che suonano strumenti ad arco: violini, viole, violoncelli e contrabbassi.


Ultimo aggiornamento: 19/12/13

Esprimi il tuo commento