Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Sabato 03.12.2016 ore 10.39
Sei qui: Home | Record per la Grande Cena di Boorea 2016: 840 partecipanti e 24mila euro di incasso
1 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Record per la Grande Cena di Boorea 2016: 840 partecipanti e 24mila euro di incasso


Mercoledì 30 novembre al Salone delle feste di Correggio sono stati oltre 840 i partecipanti all'edizione 2016 della Grande Cena di Boorea, con 70 volontari in sala e 40 in cucina, per un incasso superiore ai 24mila euro. Così l'iniziativa di beneficenza ha fatto centro migliorandosi ancora una volta e registrando un nuovo record di presenze e incasso.



Un lavoro eccezionale svolto a titolo completamente gratuito dalle rezdore di Correggio, da tutti i volontari dell'Auser e dagli chef, con i rispettivi staff di cucina, che in circa due ore e un quarto hanno servito circa 4mila piatti. A governare questa fucina di solidarietà Gianni e Federico D'Amato, accompagnati da Fulvia Salvarani e Luca Giampietri, Isa Mazzocchi, Massimo Spigaroli, Giovanna Guidetti, Stefania Lombardi e il Pizzaiuolo on the road Giovanni Mandara, accompagnato da Antonio Iovieno.

Il "Premio Grande Cena Boorea", assegnato per la prima volta al gruppo partecipante più numeroso, è stato consegnato a Roberto Olivi e Andrea Grassi per Coopservice, che ha portato all'evento ben 87 partecipanti. Al secondo posto - con 73 partecipanti - Sicrea, che ha rilanciato la sfida per il prossimo anno.

"In questa Grande Cena – ha detto il presidente di Boorea Luca Bosi – c'è tutto l'orgoglio della cooperazione e del volontariato reggiano. Sono molti anni che lavoriamo a questo progetto ma i numeri e il riscontro che troviamo ogni volta non ci fanno abituare alla straordinarietà di questo evento che non ha eguali".

Oltre al sindaco di Correggio Ilenia Malavasi e al presidente provinciale di Auser Sandro Morandi, nel corso della serata sono intervenuti anche Claudio Melioli, da poco rientrato da Jandira (San Paolo del Brasile), dove grazie ai proventi della Grande Cena sarà realizzata una scuola dei mestieri per adolescenti a rischio, e Monica Mazzotti di Gvc, cooperante in Libano nella Valle della Bekaa. Qui i progetti della Grande Cena puntano a garantire acqua pulita a 75 famiglie siriane che si trovano ancora rifugiate.

L'edizione numero 17 della cena di beneficenza è stata anche l'occasione per presentare il progetto "Free" dello storico gruppo musicale reggiano Tokio (Paolo Genta, Alberto Bigi, Gigi Cavalli Cocchi, Emanuele Iannuccelli, Cesare Fornaciari e Marco Schiatti), sostenuto anche da Coopservice e Boorea, che comprende un cd con celebri brani dedicati a Nelson Mandela e un'opera litografica originale numerata di Alfonso Borghi ispirati al leader sudafricano. In questo caso i proventi andranno alla biblioteca "Soncini" di Johannesburg.


Ultimo aggiornamento: 01/12/16

02/12/16 h. 15.14
evento unico dice:

L'entrata nella sala dell'enorme vassoio portante un intero cinghiale arrostito ripieno portato da una quadriga di giovani extracomunitari neri in costume antico romano, ha lasciato senza parole gli astanti che sono poi scoppiati in un fragoroso applauso! Ma già la grande fontana posta al centro del convivio che dispensava senza limiti vino lambrusco aveva rallegrato gli animi! Alla fine il gota dell'economia cooperativa ha avuto il suo rituale trionfo con lanci di stelle filanti e monetine da un centesimo! Arrivederci al prossimo anno.

Esprimi il tuo commento