Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 29.05.2017 ore 03.50
Sei qui: Home | Preghierina di Pransemo
4 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Preghierina di Pransemo


In quelle giornate di pena e solitudine, Pransemo si recò dapprima in visita alla Basilica della Ghiara, dove abitualmente si recava – lui, seppure ateo di formazione familiare – nei momenti esistenziali di più intensa difficoltà.

E nell’ammirare gli strepitosi affreschi delle volte, nella navata centrale a quell’ora completamente deserta, gli sovvenne la preghiera lasciata come monito testamentario a lui e al suo gruppo di amici e soci cooperatori dall’anziano Maurizio di Cadè detto Simpione, prematuramente scomparso solo pochi anni prima.

Si frugò nelle tasche, fece il segno della croce e, silenziosamente, lesse tra sé e sé.

Madonnina delle grazie
tien lontano le disgrazie
guida ognor la presidenza
della qual non possiam far senza
Noi teniam il presidente
pur se sembra deficiente
Teniam pure il direttore
che ci pare malfattore
Teniam anche i revisori
che ci sembran estorsori
Teniam anche i probiviri
che c’han sempre strani giri
Pur la nostra Associazione
ognor compie vessazione
etiam quelli della lega
sempre molle han la bega
Così noi poveri soci
siam trattati un po’ da froci
Mal azione sì ardita
fu sì spesso mal tradita
Adorata Madonnina
con la crisi sì vicina
a Te alziam i nostri evviva
sì Tu salvi la cooperativa.

Pransemo, intimamente commosso, si inginocchiò sul banco rivolto verso l’altare maggiore e si raccolse per alcuni minuti in religioso silenzio. Le cose erano andate proprio come aveva temuto Simpione, e a questo punto solo un intervento soprannaturale avrebbe potuto modificare il corso degli eventi.


3 - continua


  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Aggiungi a Technorati
  • OKNotizie
17/09/14 h. 14.18
Franco dice:

Vogliamo Sagaroya !!!!

13/09/14 h. 11.17
Fan dice:

Ma Sagaroya che fine ha fatto? E' ancora in vacanza a Viserbella con la Coop?

11/09/14 h. 20.01
Avenger: L'utilità della filastrocca dice:

La filastrocca di per sé non è niente di straordinario, ma ha il pregio non trascurabile di poter essere sfoderata e attribuita a diverse istituzioni reggiane e oltre. Mi vengono in mente quelle amministrassssioni i cui Presidenti o Direttori assumono ad naticam et suonata pifferorum ex umana origine con il beneplacito di revisori ed assemblee che delle medesime assunzioni godono solitamente a 90 e, esagerando, anche a 360 gradi, nel senso che tutti potete immaginare.

10/09/14 h. 9.41
deluso dice:

Così così... anche la metrica sarebbe da aggiustare.

Esprimi il tuo commento