Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Sabato 03.12.2016 ore 10.33
Sei qui: Home | M5S. Firme irregolari alle regionali del 2014, autore esposto sotto protezione
4 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

M5S. Firme irregolari alle regionali del 2014, autore esposto sotto protezione


25 novembre

Stefano Adani, l'ex grillino autore dell'esposto contro la raccolta firme alle regionali 2014, giudicate irregolari e che hanno portato la magistratura a indagare quattro persone appartenenti al M5S, è stato posto sotto protezione.



I carabinieri sorvegliano la sua casa a Vado di Monzuno, sull'Appennino bolognese. La misura è stata decisa dagli inquirenti dopo le minacce che Stefano Adani ha ricevuto sui social.
 
"Sei un grandissimo infame, spero che ti spacchino la faccia", "Sul profilo metti la tua faccia invece del cane, o ti schifi da solo?" ,"Sei il nulla mischiato col niente", queste alcune delle frasi sulla bacheca, con epiteti: "Infame", "Traditore", "Spia".

23 novembre

Ci sono quattro persone indagate nell'inchiesta sulle irregolarità per la raccolta delle firme del Movimento 5 Stelle per le Regionali del 2014 in Emilia-Romagna. Uno di questi è il consigliere comunale di Bologna Marco Piazza, vicepresidente dell'assemblea di Palazzo d'Accursio. Secondo le indagini svolte dal pm Michela Guidi, avrebbero autenticato firme non apposte in loro presenza o in luogo diverso da quello previsto dai requisiti.



O ancora in mancanza di un pubblico ufficiale perché non preventivamente legittimati alla raccolta delle firme.
 
Le indagini sono durate per due anni e sono state condotte dai carabinieri di vergato. L'inchiesta è nata da un esposto presentato da due ex attivisti di Monzuno, Stefano Adani e Paolo Pasquino, che denunciavano presunte irregolarità nella raccolta delle firme per le regionali del 2014.

E si va vesro l'autosospensione per gli esponenti del M5S che risultano indagati nell'ambito delle inchieste sulle firme false di Palermo e anche su quelle di Bologna. 
 
E' quanto si apprende da fonti vicine ai vertici M5S che sottolineano come, per quanto riguarda il caso bolognese, il vicepresidente del Consiglio comunale Marco Piazza ha già dato la sua disponibilità ad autosospendersi. A breve, si spiega, ci sarà un colloquio tra lo stesso Piazza e il garante delle regole del M5S Beppe Grillo.
 


Ultimo aggiornamento: 30/11/16

26/11/16 h. 12.41
chris dice:

sarebbe interessante vedere la merda quotidiana come tratta l'argomento

26/11/16 h. 12.38
chris dice:

è tutta una mossa studiata a priori dal partito dei 5 stelle si liberano dei candidati scomodi sputtanandoli in qualche modo come han fatto con pizzarotti di parma e favia di bologna credo sia una sorta di pre primarie

23/11/16 h. 22.54
Antitaliano dice:

@Beppe: condivido; morale? Astensione o che?

23/11/16 h. 11.34
Beppe dice:

Bravi...honestà...honestà...
Questi qui ci manderanno in rovina, autentici incapaci senza la direzione di Casaleggio Associati...
Insomma una azienda che ci vuole governare... mo andate a mona!!!

Esprimi il tuo commento