Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Lunedì 22.09.2014 ore 14.12
8 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo
Giulio Cesare Bonazzi

Le passere della libertà


di Giulio Cesare Bonazzi

Lo ha gridato ai quattro venti "Sciacquone" Stracquadanio, deputato berlusconiano: "E' lecito prostituirsi per la carica politica".

Che in Parlamento vi fosse un gruppo piuttosto nutrito di "prostitute" la gente non lo ha mai messo in dubbio.

Il deputato non ha fatto altro che certificare (come non credere alla parola di un onorevole?) una situazione di fatto da tempo sotto gli occhi di tutti, ma che tutti avevano fatto finta di non vedere.

Paolo Guzzanti, un tempo amico e grande sostenitore del Cavaliere di Hardcore, aveva già parlato di mignottocrazia.

Nei prossimi giorni lo stesso pubblicherà - con l'editore reggiano Aliberti - un pamphlet dal significativo titolo: "La sera andavamo a Ministre?".

Le parole di Stracquadanio hanno sollevato le reazioni piccate di (quasi) tutte le donne in politica.

C'è chi ha immediatamente dichiarato la propria indignazione "come donna e politica"; chi ha dichiarato che "la credibilità della donna è a rischio"; altre ancora che "l'esempio di Stracquadanio è fosco e inaccettabile"; altre, infine, "nauseabondo, che schifezza!".

Qualcuna è riuscita a prenderla in ridere: "Se proprio deve essere, almeno paghino le tasse!".

Così come prevedeva una proposta del Pdl di alcuni anni fa per le "lucciole".

Qualcuno credeva davvero che la Ministra che il Grande Seduttore voleva sposare fosse lì per la sua intelligenza e la sua competenza?

Stracquadanio non è da prendere sul serio.

Ex sessantottino, per lui tutte le leggi ad personam vanno bene così; per lui è giusto applicare il "metodo Boffo" anche a Fini e a chi dissente con il Grande Capo; per lui se una puttana è diventata deputata non si deve dimettere (ancor meno se è diventata Ministra).

A questo punto mettiamoci a ridere anche noi (ma solo per non metterci a piangere).

Certo che, dopo le Squadre della Libertà, capeggiate dalla sottosegretaria dal capezzolo nudo, ci mancavano le Passere della Libertà.


  • Condividi:
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Aggiungi a Technorati
  • OKNotizie
22/11/10 h. 12.18
er monnezza dice:

..mò ciavrà ..da rivede le su lungimiranti teorie..

22/11/10 h. 12.16
Er Barcarolo dice:

'A Giulio Cé, mò la Carfagna jé 'ddiventata n'amica tua. Te piace ora? Jè na passera politticamente coretta?

22/11/10 h. 12.07
del(i)rio dice:

Queste cose a sinistra non succedono.Loro fanno senza f..a, so' tutti froci!!!!!!!!!!

22/10/10 h. 12.09
Er Barcarolo dice:

...detto da chi de mignotte se ne intenne...!

16/09/10 h. 21.27
er monnezza dice:

comunque na persona dena certa età che sctà sempre a parla de passere...
a me pare proprio na sScchifezza...

16/09/10 h. 17.34
paolo dice:

la politica purtroppo rispecchia la nostra società......!!! Come sempre, un po' troppo retorico.

16/09/10 h. 9.32
marco solito dice:

ESILARANTE.... niente di nuovo sotto il cielo. purtroppo la DONNA sarà sempre l'OGGETTO del nostro piacere. Vuoi vedere che siamo tutti guardoni?

15/09/10 h. 19.13
Gozzano il crepuscolare dice:

Permetta avvocato una correzione: le tope della libertà!

Esprimi il tuo commento
I commenti sono moderati e saranno pubblicati solo dopo l'approvazione della redazione.