Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Sabato 10.12.2016 ore 04.06
Sei qui: Home | L'ex casa del duce è diventata un Tecnopolo
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

L'ex casa del duce è diventata un Tecnopolo


La Rocca delle Caminate, un castello-fortilizio che domina una collina, a circa 400 metri di altitudine sul livello del mare, sorge nel comune di Meldola, a 4 km di distanza da Predappio e a 16 da Forlì. La notorietà di quelle mura deriva dal fatto che la Rocca delle Caminate fu la residenza estiva di Benito Mussolini e della famiglia negli anni Trenta.

 
Da qualche giorno l'antica rocca medievale ospita un start up in campo ingegneristico-aerospaziale e Ict, aprendo i propri spazi a conferenze ed eventi scientifici e tecnologici. Inoltre le millenarie mura diverranno la sede di un’International Academy sulle tecnologie aerospaziali.
 
Alla Rocca delle Caminate (Meldola-Predappio), in provincia di Forlì-Cesena è infatti stata inaugurata la nuova sede del Tecnopolo per la ricerca industriale e il trasferimento tecnologico. Al taglio del nastro sono intervenuti il ministro alle Infrastrutture e trasporti, Graziano Delrio, gli assessori regionali Palma Costi (Attività produttive) e Patrizio Bianchi (Università, ricerca e lavoro), il rettore dell’Università degli Studi di Bologna, Francesco Ubertini, il presidente della Provincia di Forlì-Cesena, Davide Drei, i sindaci di Meldola e Predappio, Gian Luca Zattini e Giorgio Frassineti nonché Alessandro Talamelli, direttore Centro interdipartimentale di ricerca industriale aeronautica.
 
Il Tecnopolo della Rocca. Il castello è stato recentemente restaurato con 4.398.242 euro dalla Provincia di Forlì-Cesena, grazie al contributo erogato dalla Regione di 3.078.770 (fondi Por Fesr 2007-2013 – Asse 1 - Ricerca e Innovazione). Inoltre la Provincia ha sostenuto nel 2016 ulteriori costi per circa 70 mila euro per spese di arredo e altre varie. Il progetto di restauro, durato circa 4 anni, è stato elaborato da Cons.Coop, mentre i lavori sono stati appaltati al Laboratorio del restauro srl ed eseguiti da Adriatica costruzioni cervese.
 
Il Tecnopolo, immerso in un parco di 8 ettari, è suddiviso in varie aree funzionali studiate in modo tale da garantire un utilizzo sicuro, confortevole e flessibile degli spazi a seconda delle esigenze. Al piano terra si trova l’area dedicata a convegni, conferenze, eventi e manifestazioni, con una sala attrezzata di oltre 143 metri quadrati. Il piano superiore, già assegnato all’Università di Bologna, è dedicato alla ricerca, mentre l’ala prospiciente la corte è destinata a ospitare laboratori di ricerca industriale, incubatori per nuove imprese di alta tecnologia, servizi per la gestione, la promozione del Tecnopolo, per l’animazione e la divulgazione scientifica nonché spazi di co-working.
 
Avviso pubblico per l’utilizzo della Rocca. Un avviso pubblico per la raccolta delle manifestazioni di interesse per l’assegnazione in uso della Rocca delle Caminate per svolgere le attività è stato emesso dalla Provincia di Forlì-Cesena. L’avviso resterà aperto fino al 22 novembre 2016, con finalità esplorativa e di indagine preliminare per la raccolta delle manifestazioni di interesse. I soggetti che presenteranno la manifestazione di interesse, saranno successivamente invitati a partecipare alla procedura per la selezione del miglior progetto di gestione della Rocca. Possono presentare manifestazione di interesse soggetti pubblici e privati in possesso della capacità di contrattare con la pubblica amministrazione, oppure imprese non ancora costituite (start up). L'immobile sarà concesso in uso, senza previsione di un canone, per un periodo non inferiore a tre anni con possibilità di rinnovo per un massimo di ulteriori tre anni.


Ultimo aggiornamento: 18/10/16

Esprimi il tuo commento