Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Sabato 10.12.2016 ore 04.07
Sei qui: Home | Giornata del teatro, doppio spettacolo all'Ariosto di Reggio
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Giornata del teatro, doppio spettacolo all'Ariosto di Reggio


Sabato 22 ottobre, durante la Giornata del Teatro indetta dal ministro dei beni culturali che prevede l'ingresso gratuito in tutti i teatri d'Italia, le compagnie vincitrici del "Premio della Critica" di Direction Under 30 - il progetto teatrale a cura dell'Associazione Teatro Sociale di Gualtieri e Fondazione I Teatri di Reggio - proporranno i loro spettacoli al Teatro Ariosto di Reggio.

Alle 18 andrà in scena "It's app to you - O del solipsismo" della compagnia Bahamut, vincitore del Premio della Critica 2016: cosa succederebbe se la vita reale si contaminasse e confondesse con il mondo virtuale dei videogiochi e delle applicazioni tanto da non capire più dove cominci l'una e finisca l'altro? "It's app to you" mette in scena uno spiazzante spaccato solipsistico di una generazione prigioniera dei mezzi tecnologici, incapace di reagire e destinata all'alienazione.



Alle 20.30 spazio invece a "L'Amantide - Love Macht Frei" della compagnia Malabranca Teatro, vincitore del Premio della Critica 2015. Una leggenda dell'antica Grecia racconta che le gambe di Glauco, figlio di Poseidone e di una ninfa, dopo ch'ebbe mangiato un erba marina dal colore - appunto - glauco, si trasformarono nella coda di un pesce.

Il Glauco che Malabranca Teatro ci presenta nel suo spettacolo non è per metà pesce, ma come il suo omonimo mitico subisce una curiosa metamorfosi: dopo aver pronunciato il fatidico "sì" diventa come d'incanto un uomo-cavallo.



Alla gustosa provocazione che l'intellettuale vicentino Goffredo Parise lanciò nel '63 alla buona ipocrisia della società borghese si sommano elementi scenografici stilizzati adatti a ribaltare le leggi prospettiche e una recitazione squisitamente ingenua e favolistica. Il risultato è una farsa borghese dal sapore ioneschiano che ci porta alle estreme e metaforiche conseguenze del morboso gioco matrimoniale.

L'ingresso a entrambe le rappresentazioni è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Sempre il 22 ottobre, alle 11, sarà inaugurato il sipario realizzato dal pittore Anselmo Govi e raffigurante Ludovico Ariosto, restaurato e rimesso a nuovo dopo circa un anno di lavori. Durante l'inaugurazione sarà presentato il volume "Il sipario di Anselmo Govi per il teatro Ariosto" (Corsiero Editore. Vicolo Folletto Art Factories) e il documentario "Il sipario ritrovato" di Silvia Degani.



A introdurre e a raccontare la lunga avventura che ha portato a nuovo splendore il sipario saranno il direttore generale dei teatri di Reggio Giuseppe Gherpelli, il vicepresidente Gianpaolo Grotti, il soprintendente ad archeologia, belle arti e paesaggio Luigi Malnati, l'assessora comunale al centro storico Natalia Maramotti e l'Amico dei Teatri Tiziano Scalabrini.

Il progetto è stato autorizzato dalla soprintendenza e l'esecuzione è stata affidata a R.T. Restauro Tessile di Albinea e alle esperte di restauro pittorico Elisabetta Ghirardini e Cristina Lusvardi. L'operazione è costata 60mila euro, raccolti presso aziende e singoli cittadini.


Ultimo aggiornamento: 22/10/16

Esprimi il tuo commento