Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Sabato 27.05.2017 ore 06.17
Sei qui: Home | Domenica 15 gennaio al teatro Ariosto di Reggio "A ritrovar le storie"
0 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Domenica 15 gennaio al teatro Ariosto di Reggio "A ritrovar le storie"


Domenica 15 gennaio - in doppia replica alle 16 e alle 17.45 - al Teatro Ariosto di Reggio nell’ambito della stagione delle domeniche a teatro dei piccoli andrà in scena lo spettacolo "A ritrovar le storie" del Teatro dell’Orsa, interpretato da Monica Morini, Bernardino Bonzani e Franco Tanzi e adatto a bambini dai 5 anni in su.

 

"Un inno al nostro passato, in un presente che ha dimenticato il senso delle parole e del loro più intimo significato. Le storie vengono espresse in un interscambio di accenti dai due interpreti con grande adesione emotiva. Protagonisti sono i santi, gli animali, gli elementi della natura e financo la morte": così lo ha commentato Mario Bianchi, critico teatrale ed esperto di teatro per ragazzi.

In un paese che ha perso le parole, dove le persone non si incontrano e non si parlano, arriva un saltimbanco a risvegliare racconti. Termini semplici come "bicicletta", "albero" o "animali" ricominciano ad accendere brevi storie. La gente esce dalle case per rivivere la piazza come spazio di tutti.



Parole e racconti si alimentano a vicenda, chiamano domande. I racconti svelano l’invisibile in un mondo opaco e le parole attraversano i confini, si allungano e corrono tra vecchi e bambini, opposte estremità della vita. La storia del paese di Tarot ci riguarda, chiama a costruire comunità, alla condivisione con l'altro.

Il progetto "A ritrovar le storie", selezionato al Festival I Teatri del Sacro 2015 e ospite, nello stesso anno, del Festival internazionale di narrazione di Arzo (in Svizzera) e del FestivalFilosofia di Modena, Carpi e Sassuolo, è ispirato all’omonimo libro di Annamaria Gozzi, Monica Morini e Daniela Iride Murgia (Edizioni Corsare, 2014), opera finalista al Premio Andersen 2015.


Ultimo aggiornamento: 13/01/17

Esprimi il tuo commento