Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Sabato 03.12.2016 ore 10.36
Sei qui: Home | Delrio: se vince il No le banche non falliranno
5 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Delrio: se vince il No le banche non falliranno


Il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Graziano Delrio, ospite ai microfoni di Radio24, ha escluso che un'eventuale sconfitta del fronte del Sì al referendum possa portare al fallimento di molte banche italiane.

 
"L'Italia è un grande Paese con istituzioni molto solide. In caso di vittoria del No nessun catastrofismo. Tuttavia, evidentemente avremo un periodo di relativa instabilità".
 
Queste le parole del ministro Graziano Delrio.
 


Ultimo aggiornamento: 30/11/16

02/12/16 h. 11.26
chris dice:

è logico che per come è stata concepita l'italia non cambia niente ma l'altra sera ho sentito del rio parlare in tv e son sempre più convinto che l'italia sia identica a una colonia con un governo reale esterno per cui quello che si decide anche in tv non ha nessuna importanza...
logicamente anche del rio ne è consapevole e parla di relativa instabilità che dipenderà soltanto da quanto lui e gli altri attori dell'attiale governo vogliano resistere in carica prima di costringere il presidente a sciogliere le camere

02/12/16 h. 11.09
Contabilità @ma da che pulpito dice:

secondo i suoi calcoli Delrio si sarebbe laureato a 40 anni e il suo primo impiego sarebbe stato consigliere comunale, quindi circa 300 euro al mese. Non male

02/12/16 h. 0.25
Ma da che pulpito!!! dice:

Delrio, che nella sua vita si è laureato poi è entrato in politica, quindi non ha mai lavorato, ci viene a parlare di banche....ma basta con questa gente impreparata e incompetente!!! Questo paese ha bisogno di una classe dirigente politica seria!!

01/12/16 h. 13.03
The Earl of Mercia dice:

Caro Angelini, condivido in toto la sua analisi ma ha dimenticato di citare il comprovato coinvolgimento di Renzi nel programma HAARP per il controllo mentale tramite le scie chimiche.

01/12/16 h. 11.01
Dino Angelini dice:

perchè a luglio il Monte Paschi fu affidato da Renzi alla J.P Morgan? perchè i nuovi vertici, amici di J.P. Morgan, hanno ricattato gli obbligazionisti a comperare titoli svalutatissimi, e nel frattempo a dichiarare che le decisioni su MontePaschi saranno prese proprio il 5 (CINQUE!!) dicembre? qui c'è gente (Renzi&Co.) che sta allungando le mani sul risparmio delle famiglie italiane!! fin dai tempi di Banca Etriria! e nel frattempo sta brigando per far ricadere le cause di questa RAPINA sulla spalle del NO!! Renzi deve solo vergognarsi!!! #iovotoNO

Esprimi il tuo commento