Facebook Twitter You Tube Google Plus Flipboard
Giovedì 18.12.2014 ore 10.28
Sei qui: Home | Danilo Sacco lascia i Nomadi
6 Commenti
  • Aumenta dimensione testo
  • Diminuisci dimensione testo
  • Invia articolo
  • Stampa articolo

Danilo Sacco lascia i Nomadi


Lunedì 28 novembre

"Augusto lo diceva sempre: i Nomadi sono come l’Uomo Mascherato e come lui non muoiono mai! La decisione di Danilo è stata una scelta di vita e, come tale, non si può contestare. Noi vogliamo andare avanti: nelle prossime settimane inizieremo già i provini per cercare la nuova voce della band e la presenteremo ufficialmente al prossimo raduno di Novellara, a fine febbraio - dichiara Beppe Carletti - Danilo ha fatto la sua scelta e noi gli auguriamo il meglio, perché ci vuole coraggio a intraprendere la strada da solista. Certo, ci dispiace molto perderlo sul palco, perché suoniamo assieme da 18 anni, ma l’amicizia resta. Danilo resterà con noi in tour fino a febbraio. Dopo la morte di Augusto, nel 1992, ne abbiamo superati tanti di momenti difficili: supereremo anche questo. Forse la morte di Augusto è stato davvero il momento più difficile per noi, ma stavolta non c’è una morte di mezzo, solo una scelta di staccarsi dalla strada".

Giovedì 24 novembre

Il cantante Danilo Sacco lascia i Nomadi, una decisione improvvisa giunta durante il tour del gruppo nelle principali città italiane.

Sacco sul suo sito web ha postato una lunga lettera intitolata "Oggi". "Vorrei ringraziare tutti i miei meravigliosi compagni Nomadi, per ciò che abbiamo condiviso e realizzato in anni ed anni di musica. Sono stati i migliori compagni che un uomo potesse sognare di avere. Comincia una nuova vita. Una nuova avventura. Dovrò riflettere molto. Passerà un po’ di tempo prima che ci rivedremo ma il ricordo che avrò di tutti voi mi accompagnerà per sempre. Questa è una promessa. Questo è un giuramento. Miei Capitani, io vi saluto. E mi inchino davanti a tutti voi. Amici o nemici che siate. Grazie” si legge.

In una nota diramata su Facebook dallo staff si legge che “Beppe, Daniele, Cico, Massimo, Sergio, Maurizio e tutto lo staff prendono atto ora della decisione di Danilo di lasciare il gruppo. Le motivazioni di questa scelta sono solo dentro di lui. Gli auguriamo buona fortuna. Siamo comunque tutti insieme a dirvi che la storia dei Nomadi continua più forte che mai”.

Danilo Sacco era diventato voce solista nel 1993, dopo la prematura scomparsa del co-fondatore Augusto Daolio. Il 22 maggio 2009, durante un altro tour, Sacco era stato ricoverato per un infarto e aveva subito un intervento di angioplastica primaria. Per diversi mesi le canzoni vennero cantate da Sergio Reggioli, Massimo Vecchi e Cico Falzone. Poi il ritorno sul palco sul finire dell’estate 2009, nonostante le difficoltà fisiche di rimanere in scena per più di un’ora. Arrivano anche le dure parole contro il leader della band Beppe Carletti: “I Nomadi sono un’azienda, non una famiglia, e tutti noi siamo dipendenti di Beppe Carletti. È giusto che sia così, però di spazio per i tuoi sogni nessuno. Ora devo riprenderli in mano. Mi sto preparando a una vita con più Danilo Sacco e meno Nomadi”.


Ultimo aggiornamento: 28/11/11

07/12/11 h. 14.27
Andrea dice:

Premetto che anch`io sono un uomo di sinistra ,
Se mastro Beppe afferma che sarebbe disposto a condividere idee fasciste si riferisce senza alcun dubbio alla non semplicita` di oggi e sopratutto ai social network cose che non sono ne di destra ne di sinistra. Anch´io sono su facebook e ammetto che non mi piace..o meglio dire comunicare a quattr´occhi con le persone e´piu´ umano ed emozionante purtroppo i tempi cambiano ... allora si puo´ definire un antico, casomai . punto . e poi un artista che ha scritto canzoni per la vita e liberta´ non puo´ che essere di sinistra come lo sono la maggior parte dei cantanti.quindi ´´fascismo´´ e´ sinonimo di violenza e odio , e quindi e´ contrario di ´´NOMADI`` .

29/11/11 h. 0.56
Elena Zaniolo dice:

@Carletti improvvido...
1) in che articolo o video si può trovare quanto hai scritto? In pratica: qual è la fonte di quanto scrivi?
2) cosa intendi per 'giudizi negativi'? Mi sembra strano - ma è un mio parare personale - che vengano censurate critiche... non è che vengano censurate 'offese' e/o 'falsità'?

3) grazie se chiarirai quanto hai scritto... perchè ascolto canzoni e frequento concerti dei Nomadi dal 1984 e non mi trovo assolutamente d'accordo con quanto hai scritto.

4) come mai non hai firmato quanto scrivi con il tuo nome e cognome? Ci vuole troppo coraggio? Troppa educazione? Penso sia meraviglioso scambiare idee, opinioni... e soprattutto quando sono diverse! ...ma quando sono completamente lontane dalla realtà, diventano tutto tranne che utili!

27/11/11 h. 4.58
Umberto G. dice:

Stecco erede di Augusto ?....Io seguivo i nomadi da ragazzo : non ho notato eredi di Augusto, ma ho notato che altri, poi, hanno preso il suo posto. Non è esattamente la stessa cosa....Se io giocassi nel Napoli indossando la maglia n° 10 sarei automaticamente, l'erede di Maradona ?.....

25/11/11 h. 16.01
Elena Carletti dice:

@ carletti improvvido
"Affermò infatti di rendersi disponibile a condividere posizioni fasciste qualora gli piacessero". Carissimo anonimo, è possibile chiarire un po' questo concetto che ritengo assai forte o chiedo troppo?

24/11/11 h. 13.47
marcov dice:

Una decisione improvvisa ma non sorprendente: c'erano stati diversi segnali.

24/11/11 h. 13.36
Carletti improvvido dice:

Carletti si è reso anche protagonista di dischiarazioni inopinate per la storia dei Nomadi. Affermò infatti di rendersi disponibile a condividere posizioni fasciste qualora gli piacessero. Cresciuto a Pci e Feste dell'Unità mi sembra sia andato oltre. In particolare offende la memoria di Augusto Daolio vero uomo di sinistra. Fra parentesi nel sito internet del gruppo tutti i giudizi negativi vengono censurati.

Esprimi il tuo commento
I commenti sono moderati e saranno pubblicati solo dopo l'approvazione della redazione.